Fragole, parola d'ordine 'innovazione'

Per la crescita del mercato la tendenza è quella di individuare valide alternative alle varietà tradizionali

Lorenzo Cricca di Lorenzo Cricca

Tecnica
Questo articolo è stato pubblicato oltre 9 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

Fragola-Syria-Cesena.jpg

Frutti della varietà Syria in mostra a Cesena
Fonte foto: Agronotizie

L’innovazione varietale nella fragola come elemento fondamentale per la crescita della fragolicoltura italiana. E’ questo quanto emerge dagli ultimi incontri tecnici sulla fragola che si sono svolti nei diversi principali areali produttivi.  

Per rimanere competitivi sul mercato è necessario individuare valide alternative alle varietà tradizionalmente coltivate, puntando alla qualità.
Se si dovessero indicare parametri per definire la qualità, si potrebbe parlare di sapore dolce, polpa consistente, colore rosso brillante ed intenso e lunga shelf-life dei frutti: caratteristiche sempre più richieste dal consumatore e dal mercato.

 

Verso il sapore dolce

La ricerca ha quindi prodotto nuovo materiale genetico che va in questa direzione. Tra le ultime novità nelle unifere introdotte in commercio:

  • Romina*: cultivar unifera adatta a terreni non fumigati, per produzioni a basso impatto. Presenta frutti di forma conica o biconica, a maturazione molto precoce, di sapore dolce e molto buono (buon contenuto di zuccheri e bassa acidità). L’elevata consistenza e conservabilità ne fa un frutto idoneo per la commercializzazione nella grande distribuzione.
  • Cristina*: cultivar unifera adatta a terreni non fumigati, per produzioni a basso impatto. Presenta frutti di elevata pezzatura, forma conica, a maturazione tardiva. Si distingue per particolari caratteristiche organolettiche.
  • Splendor*: cultivar unifera adatta a climi mediterranei che in condizioni normali comincia a produrre gli ultimi giorni del mese di dicembre, adattandosi molto bene a questo tipo di giorni con poca luce. La pianta continua a produrre a un ritmo molto buono e con buona qualità durante tutta la stagione. L’altezza della pianta è media, il che ne facilita enormemente la raccolta, inoltre ha un sistema radicale molto potente. Il sapore è buono in equilibrio tra dolce e acido. La vita post raccolto è molto lunga e può arrivare a mercati lontani.
  • Garda*: varietà unifera che matura qualche giorno dopo Alba, di buona produttività, mediamente vigorosa. Frutto di forma conica, buona pezzatura, di bel colore rosso brillante, elevata consistenza, buon sapore dolce e ottima shelf-life.
  • Syria*: varietà unifera medio-tardiva adatta ai climi continentali. Presenta pianta rustica, di buon vigore, con portamento medio-assurgente. Frutto medio-grosso, molto attraente, di forma conico-regolare, di ottima consistenza, di colore rosso-intenso e brillante. Di ottimo sapore ed aroma, è ricco di zuccheri e di vitamina C. Resiste bene ai trasporti, alle manipolazioni ed al surgelamento. Adatta per i mercati tradizionali che richiedono frutti di alta qualità, vendita diretta, negozi specializzati e soprattutto per l’industria. 

 

Destagionalizzare il frutto

Altro elemento importante è legato alla destagionalizzazione del frutto. In questo modo è possibile ampliare il calendario di maturazione aumentando le possibilità commerciali. In quest’ottica rientrano alcune nuove e interessanti varietà rifiorenti:

  • Ischia*: cultivar rifiorente, di forte vigoria ed elevata produttivitàEpoca di raccolta mediamente precoce, molto prolungata e regolare. I frutti sono di forma conica allungata, assai regolari ed attraenti, di calibro grosso ed omogeneo. Il colore è rosso intenso, molto brillante ed uniforme. Polpa di colore rosso omogeneo, di consistenza elevata. Il sapore è ottimo, con alto contenuto zuccherino e buon livello di acidità. La shelf life e le ottime qualità organolettiche unite ad elevati livelli produttivi ne fanno una delle migliori varietà rifiorenti.
  • Linosa*: cultivar rifiorente, di medio vigore, con produttività molto elevata. Epoca di raccolta molto precoce. I frutti sono di forma conica o tronco-conica, assai regolari ed attraenti, di calibro grosso ed omogeneo, con acheni leggermente infossati e calice di grossa dimensione; l' epidermide è dotata di ottima resistenza. Il colore è rosso chiaro, molto brillante ed uniforme. Polpa di colore rosso omogeneo, di consistenza molto elevata. Il sapore è buono, con buon livello zuccherino. La consistenza elevata dei frutti e la grande stabilità del colore consentono spesso di effettuare raccolte a scadenza settimanale. Buona la serbevolezza e la shelf life.
  • Capri*: cultivar rifiorente, di vigoria medio-forte, ed eelvata produttività. Epoca di raccolta precoce, molto prolungata e regolare. I frutti sono di forma conica, assai regolari ed attraenti, di calibro grosso ed omogeneo, con acheni leggermente infossati e calice di media dimensione; l' epidermide è dotata di resistenza elevata. Il colore è rosso vivo, molto brillante ed uniforme. Polpa di colore rosso omogeneo, di consistenza molto elevata. Il sapore è ottimo, con alto contenuto zuccherino e buona componente aromatica. La consistenza elevata dei frutti e la grande stabilità del colore consentono spesso di effettuare raccolte a scadenza settimanale. Ottima la serbevolezza e la shelf life.
  • Thelma*: nuovissima varietà rifiorente con epoca di raccolta molto precoce. Pianta rustica, facile da coltivare, produce frutti grossi, succosi e di ottimo sapore. Entra in produzione dopo 90 giorni dall’impianto e produce per tutto l’anno.
  • Louise*: varietà rifiorente recenbtemente licenziata, mediamente precoce, con pianta rustica, facile da coltivare con frutti di medio-elevate dimensioni, succosi e di ottimo sapore. Entra in produzione dopo 90 giorni dall’impianto e produce per tutto l’anno.
  • Monterey*: nuova cultivar rifiorente californiana con una buona capacità  di rifiorire tutto l'anno. La pianta è di vigoria elevata. I frutti sono di grossa pezzatura, di forma conica, molto regolare, di colore rosso intenso, molto brillante. La polpa è di colore rosso, molto consistente con superficie resistente e di elevate caratteristiche organolettiche, molto dolce.

 

Frutto bianco contro le allergie

Interesse anche per fragole a frutti di colore bianco-rosa. In genere questo materiale, ottenuto da incrocio con antichissimo clone di Fragaria chiloensis selezionato dalle popolazioni indigine Mapuche e ancora coltivato in Cile, non genera ai consumatori fenomeni di reazioni allergiche come invece può accadere con le fragole rosse.

© AgroNotizie - riproduzione riservata

Fonte: Agronotizie

Autore:

Tag: innovazione varietale

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 265.613 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner