Aziende sementiere e vivaisti, protocollo d'intesa

Siglato accordo per l' applicazione delle buone pratiche di utilizzo del materiale di propagazione delle specie orticole. Lo ha ufficializzato il Gruppo Orto wic di Assosementi

Questo articolo è stato pubblicato oltre 7 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, leggi le ultime novità di Assosementi - Associazione Italiana Sementi.

alessio-pigozzi-orto-wic.jpg

Alessio Pigozzi, coordinatore del Gruppo Orto wic Assosementi

Otto aziende vivaistiche hanno aderito al protocollo d'intesa per l'applicazione delle buone pratiche di utilizzo del materiale di propagazione delle specie orticole.
Lo ha ufficializzato il Gruppo Orto wic di Assosementi. La formalizzazione dell'intesa rappresenta una novità per la filiera orticola italiana, nonché il primo passo verso una collaborazione stabile e strutturata a livello nazionale tra le aziende sementiere aderenti al Gruppo, basata sulla condivisione di obiettivi qualificanti quali la tracciabilità del materiale di propagazione lungo tutto il processo di riproduzione e la qualità delle sementi impiegate e delle piantine prodotte durante le fasi di produzione e commercializzazione.

"Una filiera ortofrutticola che aspiri a essere moderna non può prescindere dal pieno riconoscimento del ruolo strategico delle attività di ricerca e di innovazione sul seme portate avanti dall'industria sementiera - spiega Alessio Pigozzi, del Gruppo Orto wic Assosementi -. Per questo, auspichiamo che l'accordo con i vivaisti possa rappresentare un primo passo verso la definizione di un progetto più ampio che deve coinvolgere tutti gli anelli della filiera, incluse la grande distribuzione e le istituzioni".

 

Il protocollo d'intesa

Il protocollo d'intesa fissa una serie di adempimenti, tecniche codificate da adottare e controlli di conformità.
Sono previste, infatti, verifiche sulla quantità e sull'origine delle sementi delle singole varietà fornite a ciascun vivaio, l'identificazione delle piantine prodotte mediante l'uso di una codifica aziendale che permetta di risalire a specie e varietà, numero di lotto e nominativo dell'azienda fornitrice, nome dell'azienda agricola destinataria, quantità delle sementi utilizzate e numero seriale della partita di piantine prodotte. L'intesa raggiunta prevede inoltre la creazione di uno specifico marchio di qualità.

"La sigla del protocollo d'intesa da parte di un primo gruppo di vivai è il primo, ma non l'unico, riscontro della bontà del lavoro preparatorio svolto dagli associati e dell'interesse suscitato dalla nostra proposta", afferma Rodolfo Zaniboni, Gruppo. "Abbiamo illustrato il protocollo nel corso del Macfrut di Cesena, riscuotendo apprezzamento e avviando approfondimenti con altre aziende vivaistiche. Il nostro obiettivo è avviare la fase operativa del protocollo entro la fine dell'anno".

Nei mesi di novembre e dicembre il Gruppo Orto wic di Assosementi ha in programma una serie di incontri per presentare il protocollo d'intesa nelle diverse aree del Paese, con particolare attenzione per le aree dove la produzione professionale orticola è particolarmente strutturata.

Al momento, le aziende vivaiste che hanno sottoscritto il protocollo sono le seguenti: Agricola Salvan di Grottammare (Ap); Garattoni Umberto di S. Mauro Pascoli (Fc); Gremizzi Sergio di Asola (Mn); Daviplant di Lusia (Ro), Marconi di Roverbella (Mn), Parmavivai di Lemignano di Collecchio (Pr), Ricca Sebastiano di Carignano (To) e Walter Ortovivai di Barbassolo (Mn).