Mela Fuji: bene il calibro, meno la colorazione

Campagna 2011/2012, le previsioni del Consorzio in occasione della sesta giornata tecnica

Info aziende
Questo articolo è stato pubblicato oltre 8 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

20111003melapiu.jpg

Melapiù, buone le previsioni per il calibro, preoccupa la colorazione

La campagna 2011/2012 della mela Fuji di pianura è stata inaugurata dalla sesta giornata tecnica MelaPiù, svoltasi lo scorso 29 settembre a Ferrara. Le prime partite di prodotto cominceranno infatti ad essere vendute ai distributori già dalla quarantesima settimana.

L'ormai consueto appuntamento di MelaPiù con frutticoltori e tecnici coinvolti nella produzione della Fuji di pianura si è aperto con l'intervento del presidente del Consorzio, Gianmauro Bergamini, che ha delineato lo scenario di mercato della melicoltura europea e italiana, per arrivare alla situazione emiliano-romagnola.
Michele Mariani,
consulente tecnico, ha esposto i primi dati previsionali sul raccolto. Anche se non si è ancora nel pieno, si è già potuto constatare che gli effetti dell'alternanza (tipica della coltivar Fuji), quest'anno non sono risultati molto evidenti; si attende infatti una produzione inferiore di appena il 6-7% a quella del 2010, in controtendenza comunque rispetto alla produzione nazionale (+1%).
Previsione molto buona per quel che riguarda calibro (elevata percentuale di 80+) e gradi brix.
Preoccupa
, invece, la colorazione, per la quale si attende una attenuazione delle temperature, mantenutesi molto al di sopra della media stagionale sino al momento della raccolta.

La giornata tecnica è proseguita nei campi sperimentali della Fondazione Navarra di Ferrara. I cloni in prova dal 2005 sono Kiku 8, Raku Raku, Atzec, Toshiro, ai quali nel 2007 è stato aggiunto Fubrax e nel 2010 Fujiko. Il campo prova riguardante le forme di allevamento risale al 2007 (Solaxe con condotta Centrifuga, Fusetto, Doppio Asse, Cordone Verticale). Si stanno facendo prove di diradamento con tecnologia classica, meccanica e mista. Obiettivo: individuare i cloni, gli impianti e le tecniche agronomiche più efficaci e redditizie per le aziende ubicate nei territori della pianura emiliano-romagnola. La giornata è culminata nell'attribuzione del premio 'miglior frutticoltore MelaPiù', che per l'edizione 2011 è stato assegnato a Gianni Patuelli di Agrintesa.

A meno di una settimana dall'inizio della piena raccolta e dello start delle vendite, MelaPiù apre anche la campagna promozionale con l'invio di un mailing a tutta la rete distributiva, all'ingrosso e al dettaglio. Mailing che annuncia il tipo di supporto alle vendite, che anche per questa campagna, dopo il successo delle precedenti, vede come pilastri la campagna pubblicitaria in televisione pianificata per il 2012, il concorso consumer sul sito e l'attività di in store promotion sulle principali insegne della grande distribuzione italiana.

Fiducioso in un abbassamento delle temperature notturne e consapevole che quella che sta per partire sarà un'annata probabilmente più difficile di quella del 2010, che invece è stata ottima, il presidente di MelaPiù ha concluso auspicando in una ripresa dei mercati e dei consumi.

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 209.949 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner