14° congresso nazionale sull'uva da tavola

Conversano (Ba), 14 febbraio 2011. Durante l'incontro si parlerà delle nuove cultivar apirene

Questo articolo è stato pubblicato oltre 8 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, leggi le ultime novità di Syngenta Italia.

convegno-uva-da-tavola-febbraio2011.jpg

14° congresso nazionale sull'uva da tavola
Conversano (Ba), 14 febbraio 2011

Il 14° congresso nazionale sull'uva da tavola, giunto alla 10° edizione internazionale, si terrà il 14 febbraio 2011 presso il Centro Congressi del Grand Hotel D'Aragona a Conversano (Ba).

Dalle ore 14 alle ore 20 nella sala riservata alle ocietà produttori di uva da tavola, ricercatori e tecnici potranno incontrare rappresentanti dell'Informatore Agrario e delle società Syngenta Crop Protection, AlzChem, Vegetable, Aniplast, Eiffel e Berardi Antonio & Figli, per informazioni tecniche, presentazione prodotti, quesiti, chiarimenti.

Alle 16.30 inizieranno invece i lavori congressuali, con una relazione sulla situazione produttiva dell'uva da tavola a cura di Mario Colapietra, che parlerà delle nuove varietà di uve apirene.

Il quantitativo italiano di uva senza semi a maturazione precoce ottenuto con la cv Sugraone è sufficiente per le esigenze dei mercati nazionali ed esteri durante i mesi di luglio e agosto. Anzi, in alcuni anni, come nel 2010, parte dell'uva italiana è stata in frigoconservazione fino all'esaurimento delle uve provenienti da Nord Africa, Sicilia, Spagna e anche dalla Grecia. L'obiettivo da raggiungere in questi anni era anche di ridurre i quantitativi di uva con i semi ottenuti in gran quantità nei mesi di settembre e ottobre con le cultivar Italia e Red Globe. Con le novità varietali apirene Sophia e Autumn King vi sono concrete speranze: la cs Sophia è bianca, apirena con aroma di moscato, produttiva e con grappoli e bacche sviluppate. E' ciò che i ricercatori hanno sempre cercato: una varietà simile alla cultivar Italia, ma senza semi. Autumn King invece, potrà essere raccolta nello stesso periodo di Italia e Red Globe, perché è a maturazione tardiva come la Sophia e la Crimson seedless.

Come ogni anno il congresso sarà l'occasione per discutere dei risultati delle ricerche, delle tecniche colturali, della commercializzazione dell'annata precedente e di quanto adottare per quella in corso, e per scambiarsi idee e pareri. Inoltre i partecipanti riceveranno il Supplemento uva da tavola dell'Informatore Agrario e altro materiale tecnico di aggiornamento. Il congressò sarà anche l'occasione per consegnare la 'Targa Bacca d'oro 2011', prestigioso riconoscimento che premia personalità o società che si sono particolarmente distinte per il progresso dell'uva da tavola italiana in Italia e nel mondo. Quest'anno l'ambito riconoscimento andrà a Nicola Leone, fondatore dell'industria imballaggi per l'uva da tavola CartonPack 'per aver contribuito significativamente con le innovazioni tecnologiche applicate al confezionamento dell'uva da tavola e con le proposte di sistemi di imballaggi per la migliore conservazione, visibilità, igienicità e presentabilità del prodotto, alla esaltazione della straordinaria qualità dell'uva da tavola italiana'.

 

Le società informano

Presiede: Clementina Palese, giornalista de L'Informatore Agrario

Eiffel (Fontanellato - Parma) - Aniplast (Noicattaro - Bari)

• Le innovazioni delle protezioni per la produzione di uva da tavola di qualità

Relatore: Paride Bernardi, Vegetable (Lecce)

• Presentazione società e linea commerciale

Relatore: Massimo Quarta, Syngenta Crop Protection (Milano)

• Affirm: lo specialista dei lepidotteri

Relatore: Giandomenico Irmici

 

 

Relazioni

• Suggerimenti per il ricambio delle varietà di uva da tavola

Mario Colapietra, Cra - Unità di ricerca per l'uva da tavola e la vitivinicoltura in ambiente mediterraneo (Turi, Bari)

• L'esempio della Cooperativa Anceo di Grottaglie (Ta): associazionismo tra produttori di uva da tavola con certificazione GlobalGap 

Francesco Alabrese, presidente della Cooperativa 'Anceo' di Grottaglie (Ta)

• Trattamenti sicuri con i dispositivi di protezione

Prof. Onofrio Resta, direttore dell'Unità operativa malattie dell'apparato respiratorio dell'Università di Bari

Effetti di fertilizzanti organici, emoderivati e minerali, sulla produzione di uva da tavola della cv Red Globe 

Mario Colapietra, Cra

Pier Giovanni Baldoni, Farproagro (Spilamberto, Modena)

Distribuzione di azoto e calcio sull'uva da tavola cv Italia per un più alto standard quali-quantitativo 

Mario Colapietra, Cra 

Matteo Spagnuolo, Giuseppe Cacucci (collaboratore) Dipartimento di biologia e chimica agroforestale ed ambientale dell'Università di Bari

Giuseppe Ferrara, Dipartimento di scienze delle produzioni vegetali dell'Università di Bari

• L'uva da tavola in Turchia

Onat Akdemir, responsabile sviluppo Vegetable (Turchia) 

Necip Tosun, Dipartimento protezione delle piante dell'Università di Bornova (Turchia)

• Cambia la geografia mondiale dell'uva da tavola

Tiziana Sarnari, Ismea, Istituto di servizi per il mercato agricolo alimentare

• Campagna 2010 a due velocità per l'uva da tavola

Giuseppe Lamacchia, Istituto commercio estero di Bari

• Le cocciniglie su vite per l'uva da tavola

Giuseppe Laccone, fitopatologo

• Una buona annata per l'uva da tavola 

Giuseppe Laccone, fitopatologo 

Antonio Guario, Regione Puglia, Area politiche per lo sviluppo rurale - Osservatorio fitosanitario, Bari

Le conclusioni saranno affidate a Mario Colapietra.