Mercato cereali, prezzi stabilizzati

Dopo il rialzo delle quotazioni della seconda metà di ottobre, i mercati dei futures delle principali commodities agricole (frumento, mais e soia) continuano a muoversi in sintonia. Tratto dalla Newsletter di Veneto Agricoltura

Questo articolo è stato pubblicato oltre 10 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

frumento-grano-campo-cereali-byflickrcc20-diluvi.jpg

On line l'ultimo numero della newsletter di Veneto Agricoltura dedicata a 'I mercati del frumento, del mais e della soia'
Fonte foto: diluvi

I mercati dei futures delle principali commodities agricole (frumento, mais e soia) continuano a muoversi in sintonia. Dopo il rialzo delle quotazioni della seconda metà del mese di ottobre, a novembre si sono registrate delle fisiologiche 'prese di posizione', con gli operatori, soprattutto quelli 'speculativi', che hanno monetizzato i rialzi conseguiti.

In questo momento, nonostante i fondamentali del mercato siano per lo più tendenti al rialzo, e non manchino le preoccupazioni per i raccolti statunitensi e australiani di frumento e sudamericani di soia, le quotazioni sembrano entrate in una fase di attesa.

Si registra infatti la tendenza a spostamenti orizzontali, con prezzi stabilizzati sugli ultimi livelli raggiunti: la situazione è dovuta anche alla scarsità di domanda per il 'pronti', e un più vivo interesse per 'l'avanti'. A significare che gli utilizzatori si sono probabilmente già 'coperti' per il prossimo breve-medio periodo e preferiscono attendere prima di ritornare sul mercato per nuovi acquisti.

Per concludere, è sempre più consistente l'ipotesi che nel medio periodo di questa campagna commerciale, i prezzi si stiano stabilizzando sui livelli attualmente raggiunti: si potrebbe dire, visto l'avvicinarsi delle festività natalizie, che i prezzi sono già in 'vacanza'.

Solo l'evolversi 'fuori norma' delle colture e dei raccolti nei Paesi australi e delle nuove semine in quelli boreali potranno influenzare il mercato indirizzando le quotazioni in un senso o nell'altro.

La newsletter è scaricabile a questo indirizzo.

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 256.662 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner