Sementi orticole, presto un tavolo interregionale

Favorirà il confronto tra Regioni produttrici e il confronto con il Mipaaf. La proposta a Ortomac 2010

Questo articolo è stato pubblicato oltre 9 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

ortomac-2010-relatori-convegno.jpg

Ortomac 2010: il tavolo dei relatori

Un Tavolo Interregionale, che unisca concretamente le Regioni italiane produttrici di sementi orticole e vada a confrontarsi con il ministero delle Politiche agricole e quello della Sanità.

Partendo da un documento sottoposto da Alberto Contessi del Servizio fitosanitario dell'Emilia-Romagna, la proposta è emersa durante Ortomac 2010, convegno tenutosi venerdì 14 maggio a Cesena, organizzato da Cesena Fiera, con il contributo di Camera di Commercio di Forlì-Cesena, Regione Emilia-Romagna, Crpv, Assosementi e Coams

Non a caso capofila del progetto sarà l'Emilia-Romagna, regione con la maggior superficie a sementi (7.300 ettari su 14mila in Italia); in particolare è Cesena il territorio a maggior concentrazione di imprese del settore sementi orticole. Da sottolineare lo sviluppo delle Marche, che con 4.700 ettari rappresentano un ottimo incremento sui 2.700 di appena due anni fa.

Le imprese sementiere (produttori agricoli, aziende di moltiplicazione, o di commercializzazione) incontrano notevoli problemi, ad esempio a causa di norme non uguali per tutti (oppure per leggi regionali non adottate); se poi devono esportare, ecco guai e problemi che arrivano fino al rifiuto del prodotto. 

Così Daniele Govi, dell'assessorato all'Agricoltura della Regione Emilia-Romagna ha lanciato a Ortomac la proposta di attivare un momento periodico di confronto Regioni-ministeri. Cesare Petricca, del ministero della Politiche Agricole, ha aggiunto "me ne farò portavoce soprattutto se prima ci sarà la creazione di questo tavolo interregionale che possa interfacciarsi con i Ministeri". A favore si sono pronunciati anche Francesca Basili (Regione Umbria), Aldo Amato (Molise) e Leonardo Valenti (Marche). Lo stesso presidente di Coams Giovanni Laffi non è stato contrario. D'accordo Roberto Romagnoli di Assosementi, anche se nei suoi interventi ha rilanciato la necessità di costituire un tavolo permanente sui problemi fitosanitari. Una problematica di grande rilevanza secondo l'associazione delle aziende sementiere, che si può risolvere con un più stretto rapporto fra produzione di portaseme e sanità al fine anche di controllare ed accertare l'isolamento spaziale delle coltivazioni delle piante da riproduzione.

Fra gli altri, in alcuni interventi è emersa una questione che potrebbe sembrare banale: i tecnici regionali e dell'associazione a volte si scontrano con la presenza ai confini delle coltivazioni sementiere di piante (la specie più a rischio è il cavolo) che andrebbero tolte. E qui scatta, a volte, la reazione eccessiva del vicino che magari percepisce una limitazione alla propria privacy (auto o persone che percorrono i confini) o il proprio giardino...

E per monitorare e avere certezze, la Regione Emilia-Romagna, prima fra tutte, ha fatto la mappatura delle coltivazioni tramite un software che può verificare l'isolamento e le garanzie che la produzione non sia "invasa" da altre piante.

Ma vi sono anche altri problemi, come ha spiegato Contessi sottolineando che la regione Emilia-Romagna è leader soprattutto perché prima di altre si è trovata ad affrontare questioni cui occorre dare risposte concrete e puntuali per aiutare le imprese del settore. Ad esempio sono aumentati i respingimenti di sementi italiane, perché nel mondo sono aumentati le malattie o i parassiti e, soprattutto, i controlli e molti Paesi orientali o americani usano presidi che in Italia (e in Europa) non sono autorizzati o non riconoscono quelli che si utilizzano in Europa. Così occorre il test di valutazione del rischio di importazione, che l'Emilia-Romagna fa già (anche per frutta ed altro) e che andrebbe esteso e coordinato fra le Regioni stesse.

D'altronde, come ha specificato Tiziano Galassi del Servizio fitosanitario dell'Emilia-Romagna, "nonostante la consistente riduzione di sostanze attive disponibili, per le colture da seme si è assistito ad un profondo cambiamento del portafoglio prodotti".

Molte cose si possono fare a livello regionale, dunque, ma occorre per anche andare oltre tale ambito ed accedere al livello di ministero, tramite quella che Romagnoli ha definito la "politica dei piccoli passi". Così si chiederà, ad esempio la deroga ad usare certe sostanze attive non autorizzate in Italia per le sementi solo ed esclusivamente per quelle partite da esportare verso Paesi che richiedono quel particolare trattamento, mentre occorrerà una campagna di informazione con le aziende cui dall'estero vengono richiesti trattamenti non autorizzati in Europa.

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 218.244 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner