Syngenta e Cimmyt insieme per la ricerca sul frumento

Siglato nei giorni scorsi un accordo che prevede iniziative per lo sviluppo di nuove tecnologie relative a sementi e alla protezione delle colture

Questo articolo è stato pubblicato oltre 9 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, leggi le ultime novità di Syngenta Italia.

Hans-Joachim Braun - Director of CIMMYTs Global Wheat Program.jpg

Hans-Joachim Braun, direttore del Global Wheat Program del Cimmyt

Syngenta e il Centro internazionale di miglioramento del mais e frumento (Cimmyt) hanno concluso nei giorni scorsi un accordo di collaborazione pubblico-privata, destinato allo sviluppo e alla promozione delle tecnologie applicate al frumento, il cereale a paglia più largamente commercializzato al mondo e la prima derrata alimentare importata dai Paesi in via di sviluppo. L’accordo si basa su progetti di ricerca e sviluppo congiunti riguardanti sia la selezione convenzionale che quella di caratteri geneticamente modificati, il frumento ibrido e la protezione integrata della semente e della coltura per migliorare la produttività della pianta.

Syngenta e Cimmyt sono entrambi determinati a trasformare la produzione di grano nel mondo, creando delle nuove piattaforme tecnologiche che stabiliranno standard qualitativi e di rendimento senza precedenti -  ha dichiarato John Atkin, Coo di Syngenta Crop Protection. - Abbiamo l’obiettivo di riunire le nostre risorse complementari, le nostre capacità e le aree geografiche nelle quali operiamo per aumentare in modo sostenibile la produttività del frumento, cooperando su progetti definiti. Siamo lieti di unire le nostre forze per promuovere il progresso tecnologico più rapidamente e più efficacemente rispetto a quanto non riusciremmo a fare agendo separatamente”.

“La produzione mondiale di grano è aumentata solo dello 0,9% all’anno - ha puntualizzato Hans-Joachim Braun, direttore del Global Wheat Program del Cimmyt -. Si tratta di un problema molto critico: la domanda mondiale sta aumentando almeno dell’1,5% ogni anno. Se a questo si aggiungono gli impatti del cambiamento climatico, appare chiara la necessità di evitare il rischio di un’altra crisi alimentare e di favorire che gli agricoltori di tutto il mondo siano preparati a soddisfare i bisogni di una popolazione in continua crescita”.

Questo accordo si avvantaggerà congiuntamente sia della tecnologia dei marcatori molecolari altamente sviluppata di Syngenta, della sua piattaforma di caratteri d’avanguardia competitivi e dei suoi programmi di selezione varietale del frumento per i paesi in via di sviluppo, che dell’accesso offerto dal Cimmyt alla diversità genetica del grano, alla sua rete mondiale di partnership e al suo programma di selezione del grano, mirato ai paesi in via di sviluppo.