La mela, dal mito al mercato

Presentata la settima edizione di Interpoma, biennale internazionale che si terrà a Bolzano dal 4 al 6 novembre 2010

Questo articolo è stato pubblicato oltre 9 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

interpoma 2010.jpg

Berlino, da sinistra: Gerhard Dichgans in rappresentanza del presidente del Consorzio Mela Alto Adige Georg Kössler; Luca Zaia, ministro delle Politiche agricole, Reinhold Marsoner, direttore Fiera Bolzano
Fonte foto: Ufficio Stampa/Pressestelle

Presentata a Berlino la settima edizione di Interpoma, biennale internazionale dedicata alla mela e luogo d‘incontro internazionale per gli addetti ai lavori nel settore della melicoltura che quest'anno si terrà dal 4 al 6 novembre 2010 nei padiglioni di Fiera Bolzano in Alto Adige/Italia.

Si rinnova così l’appuntamento con 'La mela nel mondo', il congresso di riferimento del settore melicolo, organizzato dall’esperto di fama internazionale Kurt Werth in collaborazione con le organizzazioni frutticole altoatesine.
Nel corso della tre giorni di studio esperti di fama internazionale e rappresentanti del settore si confronteranno per capire le evoluzioni future dell’universo melicolo mondiale. Argomento principale della prima sessione di lavoro – in programma giovedì 4 novembre - saranno i mutamenti del mercato e della geografia produttiva delle mele, con un focus sulle opportunità commerciali in Medio Oriente e Nord Africa e un approfondimento dedicato ai nuovi bacini frutticoli dell’Europa Sud Orientale, come il Caucaso, la Krasnodar, il territorio del Don, la Moldavia e l’Ucraina.

Il tema della territorialità sarà al centro anche dell’intervento dedicato al ‘Mito della Mela’ che, in apertura di lavori, analizzerà – da un punto di vista storico letterario – il significato attribuito dalle diverse culture al ‘frutto del peccato’, con lo scopo di proporre per la mela un percorso di connotazione culturale affine al concetto di territorio vitivinicolo.

Residui, Carbon Footprint e Bilancio energetico del settore melicolo, saranno invece protagonisti della seconda giornata convegnistica che, venerdì 5 novembre, metterà in scena il confronto fra esponenti del mondo della produzione, della distribuzione, accademici e rappresentanti di alcune organizzazioni ambientaliste sui temi più caldi legati alla sicurezza alimentare e alla sostenibilità in melicoltura.
Obiettivo è dare vita ad una piattaforma di valori condivisa fra tutti gli attori della filiera, per rispondere in modo coerente ed efficace alle richieste di un consumatore sempre più sensibile ai temi del food safety e della eco compatibilità di ciò che acquista.

Chiusura di lavori affidata all’incontro fra Interpoma e Isafruit, in occasione del quale i rappresentanti dei principali istituti di ricerca coinvolti dal progetto interdisciplinare co-finanziato dalla Unione Europea e finalizzato all’incremento dei consumi di frutta nel continente, esporranno i risultati delle loro analisi in materia di consumi, salute, ricerca varietale, tecniche di post-raccolta e ambiente del settore mele.

“Con argomenti di ampio respiro e relatori di grande fama, il congresso internazionale sulla mela è uno dei momenti clou – commenta Reinhold Marsoner, direttore di Fiera Bolzano –. Interpoma è una manifestazione nata con una forte vocazione internazionale e nel corso degli anni ha sempre più potenziato questa sua inclinazione. Nell’ultima edizione, tenutasi nel 2008, ha registrato 11.653 visitatori specializzati, il 40% dall’estero, provenienti da 57 Paesi diversi”. 

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 209.801 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner