'Pasta di grano duro siciliano', marchio regionale

Presentato a Villa Malfitano nel corso di un convegno sulla filiera cerealicola. Obiettivi: prodotti di elevata qualità e benefici ai granicoltori

Questo articolo è stato pubblicato oltre 10 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

grano duro siciliano-logo.jpg

Sicilia, arriva il marchio regionale

E’ stato presentato stamattina, a Villa Malfitano, nel corso di un convegno dedicato alla filiera cerealicola, il marchio regionale Pasta di grano duro siciliano di qualità certificata, alla presenza del presidente della Regione siciliana, Raffaele Lombardo, dell’assessore regionale all’Agricoltura e foreste, Michele Cimino, dei dirigenti generali, Cosimo Gioia (dipartimento Interventi infrastrutturali), Rosaria Barresi (Dipartimento Interventi strutturali), Fulvio Bellomo (Dipartimento Aziende foreste demaniali) e dal presidente del consorzio “Ballatore”, Norberto Pogna.
Il marchio regionale è stato realizzato nell’ambito del progetto pilota Implementazione di un sistema di certificazione per la pasta e il pane di grano duro siciliano avviato dal Dipartimento Interventi infrastrutturali dell’assessorato all’Agricoltura, in collaborazione con il Consorzio di ricerca “Gian Pietro Ballatore”.

Obiettivo generale del progetto, ha spiegato il presidente della Regione, Raffaele Lombardo, “è sviluppare una filiera cerealicola integrata, sostenendo accordi di filiera che puntano a prodotti di elevata qualità. Il marchio regionale avvia un processo virtuoso che può dare i suoi frutti nell’immediato futuro, soprattutto ai granicoltori, perché coinvolge tutta la filiera, dalla produzione alla trasformazione, e in quanto tale può mettere a sistema un intero settore".

Oggi la filiera deve fare i conti con il crollo dei prezzi alla produzione e una modesta capacità produttiva e tecnologica delle imprese che non hanno prodotto un reddito tale da consentire investimenti in innovazione per soddisfare l’industria pastaria in termini di qualità, quantità e prezzo.
“E' necessario rivitalizzare la filiera cerealicola – ha sottolineato Cimino - per evitare l'abbandono di questa importante coltura. La Sicilia vanta un ricchissimo patrimonio alimentare e culturale associato al frumento duro, prodotto grazie ai 258mila ettari di superficie coltivata, da cui dipende la sopravvivenza della maggior parte della piccole e medie imprese agricole delle aree interne. La coltivazione si va assottigliando e ed è preoccupante. Non solo per ragioni di natura economica – ha concluso l’assessore - ma la drastica riduzione delle semine e l’abbandono degli agricoltori delle aree collinari e montane sono fenomeni strettamente legati a problemi importanti di dissesto idrogeologico”.

“Il traguardo dell’amministrazione – ha detto Cosimo Gioia - è arrivare ad un accordo di filiera esteso al maggior numero di produttori e trasformatori possibile. Il progetto è stato pensato per coniugare la qualità del nostro grano duro con la sicurezza alimentare, e per offrire un valore aggiunto al prodotto finito da ripartire tra tutti i componenti attraverso accordi di filiera. I produttori che forniranno all’industria pastaria frumento siciliano di elevato pregio, privo di elementi contaminanti come le micotossine, dannose alla salute, saranno premiati con appositi contratti”.

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 250.816 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner