Albicocco, novità dalle mostre pomologiche

Mercoledì 1 luglio 2009 si è tenuto un incontro ad Imola presso l'ASTRA - Innovazione e Sviluppo

Lorenzo Cricca di Lorenzo Cricca

Questo articolo è stato pubblicato oltre 11 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

IMG_5076 Generale.jpg

Fonte foto: plantgest

Nella giornata di mercoledì 1 luglio 2009 si è svolta presso ASTRA – Innovazione e Sviluppo (Unità operativa di Imola) una mostra pomologia sull’albicocco.

Questa mostra si è collocata all’interno dei tradizionali eventi itineranti organizzati ogni anno dal CRPV, Centro Ricerche Produzioni Vegetali di Cesena

Negli ultimi anni l’albicocco ha manifestato una forte espansione sia nel mondo che in Italia, a causa della sempre crescente richiesta del mercato e della concomitante crisi di altre specie frutticole concorrenti quali ad esempio pesco e nettarina. La crescente domanda da parte dei mercati è stata sicuramente supportata dalle nuove cultivar che i genetisti nazionali ed internazionali hanno messo a disposizione dei frutticoltori e dei consumatori.

 

‘Le varietà che oggi vengono ricercate – spiega Stefano Foschi di Alimos Martorano5 di Cesena - devono presentare alcune caratteristiche peculiari. Le piante devono avere una forte adattabilità climatica, un’elevata resistenza al freddo, una fioritura che sia sufficientemente tardiva, una resistenza maggiore alle principali avversità ed una tendenza all’autoimpollinazione. I frutti devono avere delle caratteristiche organolettiche maggiori (più qualità e sapore), un sovraccolore più accentuato ed esteso, elevata consistenza ed una lunga shelf-life. Una certa attenzione viene dedicata alla ricerca di frutti con un’elevata differenziazione, come ad esempio piante con frutti completamente rossi (Varietà Rubisco) o frutti completamente biancastri che possono rappresentare un valore aggiunto per il mercato così com’è avvenuto o come stà avvenendo nel pesco per le tipologie deantocianiche, platicarpe o sanguigne.

Altro aspetto importante nell’albicocchicoltura moderna - continua Stefano Foschi - è la grande attenzione che l’agricoltore deve avere durante la fase della raccolta. E' necessario operare in modo corretto e non anticipare troppo la raccolta, evitando di raccogliere frutti non ancora maturi e pronti per il consumo. Questo aspetto è molto importante visto che le caratteristiche estetiche dei frutti moderni tendono a trarre in inganno l’agricoltore, portandolo ad una raccolta anticipata con frutti che risultano così di scarso sapore, aciduli, duri e quindi poco appetibili e che finirebbero per pregiudicare la loro diffusione e quella di tutte le albicocche.'

 

Le varietà in mostra

Diverse le varietà che gli organizzatori hanno deciso di sottoporre all'attenzione delle numerose persone intervenute. Durante l'incontro è stato possibile ascoltare la loro descrizione ed alcune considerazione tecnico agronomiche risultato dell'intensa attività di ricerca e sperimentazione in atto sulle varie realtà coinvolte.

L’elenco delle varietà è: Wonder Cot*, Spring Blush®, Luna, Aurora*, Primaya IPS1594*, Lilly Cot*, Magic Cot*, Bora®, Pinkcot® Copty*, Sweet Red® Red Sylver*, Perle Cot*, Sweet Cot® Toyuda*, Orange Rubis® Coloumine*, Robada*, Flavorcot® Bayoto*, Stella, Kioto*, Pieve*, Harval e Petra.

Vai in Plantgest per vedere le schede delle varietà

Tra le varietà più significative o di introduzione più recente si hanno:

Varietà Epoca di fioritura Data di raccolta 2009 Pezzatura Autocompatibilità
Luna Medio-tardiva 26 Maggio Medio-elevata No
Aspetti positivi: Pezzatura e aspetto dei frutti e buona tenuta in pianta
Aspetti negativi: Il sapore non è eccessivamente acidulo se raccolto anticipatamente
 
Primaya® IPS1594* Precoce 30 Maggio Medio-elevata No
Aspetti positivi: Pezzatura, aspetto dei frutti e precoce entrata in produzione
Aspetti negativi: Presenta una colorazione eccessivamente verdognolo lungo la linea di sutura e la tendenza a sbucciarsi dei frutti
 
Bora* Medio-precoce 5 Giugno Elevata Parziale
Aspetti positivi: Elevata pezzatura, elevata consistenza e colore molto attraente
Aspetti negativi: Sapore (buccia acida) penalizzato da raccolte anticipate 
 
Orange Rubis® Tardiva 10 Giugno  Elevata Si 
Aspetti positivi: Frutti di ottimo sapore, buona pezzatura e belll'aspetto
Aspetti negativi: Maturazione dei frutti veloce con necessità di rapida raccolta (anche se grazie alla discreta tenuta quest'aspetto può essere limitato)
 
Stella* Tardiva 20 Giugno  Media No 
Aspetti positivi: Sapore buono ed elevato RSR
Aspetti negativi: Scarsa produttività
 
Pieve* tardiva 22 Giugno  Media  Si 
Aspetti positivi: Ottimo aspetto e sapore dei frutti con buona vigoria della pianta
Aspetti negativi: Non adatta ai terreni poco fertili
 
Petra Medio-tardiva 29 Giugno  Media   Parziale 
Aspetti positivi: Buon sapore dei frutti ed elevata tenuta in pianta
Aspetti negativi: Tendenza alle screpolature superficiali sui frutti esposti alla luce nelle piante giovani

Dati elaborati da Image Line su fonte CRPV Centro Ricerche Produzioni Vegetali, ASTRA Innovazione e Sviluppo e Alimos Martorano5.

© AgroNotizie - riproduzione riservata

Fonte: Plantgest

Autore:

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 238.859 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner