Fragola, bilancio della stagione 2009

Cesena, 'La fragola in pieno campo': un'occasione per fare il punto sulla campagna fragolicola appena trascorsa

Lorenzo Cricca di Lorenzo Cricca

Questo articolo è stato pubblicato oltre 11 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

Fragola_Agronotizie_Mostra28052009_Cesena.jpg

Fonte foto: plantgest

Il 28 maggio 2009 si è svolto l’incontro tecnico ‘Fragola in pieno campo’, presso l’Azienda Martorano 5 di Cesena. L’oramai tradizionale incontro ha permesso di fare il punto sulla campagna fragolicola appena trascorsa e di analizzare diversi dati su varietà e selezioni in fase di sperimentazione.  

 

Per l’areale romagnolo questo evento segue di circa un mese quello che si svolge a Gattolino di Cesena, principalmente incentrato sulla coltura protetta. ‘Il mese d’aprile appena trascorso – spiega Walther Faedi, direttore del CRA, Unità per la Ricerca in Frutticoltura Forlì è stato estremamente piovoso e freddo, portando ad anomalie produttive e di raccolta. In questo modo si sono avute ritardi di maturazione, elevate produzioni, pezzature e colore non soddisfacenti, elevata suscettibilità alle diverse patologie funginee e batteriologiche e con scarse consistenza e shelf-life. Allo stesso tempo il mercato non è risultato recettivo, manifestando scarso consumo ed una conseguente difficoltà nel collocamento delle fragole. Successivamente - continua Faedi - le temperature si sono alzate notevolmente portando ulteriori problemi legati ad eccessiva produzione, scarsa qualità, scarsa consistenza e resistenza, ridotta capacità di shelf-life e conseguentemente con elevato prodotto di scarto. Il consumatore interessato all’acquisto di fragole si trovava però ad acquistare un prodotto poco buono, ammaccato, troppo scuro, di scarsa consistenza e di breve vita.’

 

'La campagna fragolicola 2009 - spiega Walter Puccella, direttore commerciale di Apofruit – è stata deludente a causa del freddo prima, e delle alte temperature poi. Questa situazione di difficoltà si è però manifestata in tutte le aree coltivate a fragola portando ad una generalizzazione del problema. Prima si è avuto un ritardo nella raccolta in Spagna e nel Sud Italia con una prima contrazione del calendario di maturazione. In seguito, a causa alle elevate temperature diurne e notturne il calendario si è ulteriormente ridotto portando ad una fortissima sovrapposizione delle produzioni; si è inoltre avuta una riduzione di qualità, minore resistenza della superficie, minore consistenza della polpa e minore shelf-life. E' importante - continua Puccella - che il prodotto coltivato ed immesso sul mercato abbia elevate qualità organolettiche, alto grado Brix (circa 6°) e notevole tenuta (consistenza, resistenza e shel-life elevata) per riuscire ad essere appetibile verso la GDO ed il consumatore finale.'

 

Due annate a confronto 

Il 2008 e 2009 sono state annate caratterizzate da andamenti climatici anomali, rispetto allo standard, portando le piante di fragola a differenti comportamenti agronomici e produttivi. In coltura protetta nell'anno 2009 è stato infatti individuata una capacità d'accestimento delle piante molto elevata rispetto al 2008 (+9%) portando ad un aumento delle produzioni. Si è avuto un inizio della fioritura simile all'anno precedente, ma con un ritardo di maturazione e raccolta tra i 4 e 20 giorni a seconda delle zone. La produttività totale è stata sicuramente molto elevata (+12%), con una produzione commerciale quindi maggiore (+7%) ma uno scarto altrettanto importante (+11%). Il numero medio di frutti per pianta è stato del +24%, con peso medio inferiore del 13%. Inoltre i frutti sono mediamente risultati meno dolci e con minore resistenza della superficie e minore consistenza della polpa.

Anche per il pieno campo l'andamento è stato similare con un +5% nella produzione totale (-6% in quella commerciale e +4% di scarto), minore qualità dei frutti, minore consistenza e resistenza, minore grado zuccherino (-8%) e con peso medio dei frutti che è risultato fortemente ridotto (-30%).

 

Varietà Produzione commerciale (g/pianta) Produzione totale (g/pianta) Peso medio frutto (g) Epoca di raccolta Residuo secco rifrattometrico (°Brix) Consistenza della polpa (g)
Anita 1117 1270 22,1 05/05  5,5 496
Alba 1352   1458  24,1 05/05  4,7 350 
Betty 654  726  20,7  06/05  5,7 404 
Clery 1032  1072  25,1  05/05  6,0 319 
Candiss  592  636  24,1  08/05  6,9 314 
Queen Elisa  1028  1260  24,0  08/05  6,6 423 
Antea  894  960  24,9  08/05  6,1 442 
Nora  1033  1078  22,5  09/05  5,8 394  
Zeta  1776  1914  25,7  09/05  5,1 364 
Vale  1051  1113  29,3  10/05  6,1 523 
Asia  1238  1405  23,8  14/05  5,2 310 
Candonga  927  1049  24,6  14/05  6,0 442 
Tecla  958  1080  31,4  15/05  5,3 376 
Unica  1187  1286  37,7  15/05  4,5 290 
Syria  788  909  20,1  16/05  6,5 413 
Onda  989  1119  34,8  16/05  4,7 257 
 Media  1039  1146  25,9  -  5,7  382
Dati relativi alla produzione 2009 dell'Az. F.lli Moretti di Gattolino di Cesena (FC) - Coltura protetta, piante frigoconservate e messe a dimora il 24/07/2008 su terreno fumigato. Forniti da CRA Unità di Ricerca per la Frutticoltura e CRPV Centro Ricerche Produzioni Vegetali durante incontro tecnico 'La fragola in pieno campo').    

 

© AgroNotizie - riproduzione riservata

Fonte: Cra - Unità di ricerca per la frutticoltura Forlì

Autore:

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 238.856 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner