Actinidia, al Persolino si parla d'innovazione

Si è svolto sabato 16 maggio presso l'istituto faentino un convegno sul kiwi

Lorenzo Cricca di Lorenzo Cricca

Questo articolo è stato pubblicato oltre 11 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

Pseudomonas syringae pv actinidiae by appb.jpg

Sintomi di Pseudomonas syringae pv. Actinidae su actinidia
Fonte foto: Atlas of Plant Pathogenic Bacteria - APPB

Nella giornata di sabato 16 maggio 2009 presso l’IPSAA Persolino di Faenza si è svolto un convegno sull’actinidia. Diversi gli spunti interessanti che sono emersi a seguito delle tre relazioni esposte

L’incontro è stato aperto da Raffaele Testolin, Direttore Dipartimento Coltivazioni Arboree dell’Università degli tudi di Udine, con un intervento dedicato a "Innovazione varietale dell'actinidia in Italia: programmi e obiettivi del miglioramento genetico in un'ottica di filiera produttiva".

‘Elemento importante della qualità – spiega Raffaele Testolin del Dipartimento di Scienze Agrarie e Ambientale dell’Università degli Studi di Udine – è rappresento dalla dolcezza del frutto, che deve attestarsi al momento del consumo almeno su valori di circa 12° Brix, per poter far sì che il consumatore percepisca il sapore dolce. Inoltre, è importante che questo livello di dolcezza sia accompagnato da un adeguato livello d’acidità, che permetta così un giusto equilibrio. Altro elemento importante è rappresentato dalla necessità d’avere una lunga shelf life o ‘vita sullo scaffale’. Bisogna poi considerare l’elevata capacità conservativa o ‘vita da frigo’ che i frutti devono avere. Questa caratteristica è maggiormente rilevante ed importante nelle varietà più tardive, che rimangono in frigoconservazione per un tempo maggiore: normalmente sono le ultime ad essere vendute in funzione dell’arrivo dei frutti provenienti dall’’emisfero Sud.’

‘E’ evidente – continua Raffaele Testolin - come ancora oggi è Hayward il prodotto maggiormente coltivato e consumato nel mondo, con una copertura del 90’% dell’intero mercato di commercializzazione. Gli operatori del settore guardano però con molto interesse alle varietà precoci a polpa verde (sia per A. arguta che per A. chinensis) che permetterebbero di aumentare il calendario di maturazione e di migliorare quello attuale, ad esempio migliorandone la scalarità di maturazione. Altra varietà che si sta diffondendo è l’Actinidia arguta (baby kiwi), anche se in Italia si è ancora a livello di ‘curiosità’. Per questo frutto il vincolo maggiore è legato all’elevato costo della raccolta che attualmente avviene a frutto singolo. Probabilmente raccogliendoli a grappoli (allo stesso modo dell’uva da tavola) si potrebbero limitare i costi e rendere inoltre la tipologia del frutto più appetibile ed interessante per il consumatore. Un altro aspetto interessante - ma ancora tutto da valutare - è rappresentato dai Kiwi a frutto rosso o bicolore, per il quale si hanno molte aspettative per differenziare ed ampliare ulteriormente il mercato.'

Considerazioni a parte vanno fatte sul Kiwi giallo che oramai ha conquistato il consumatore, attestandosi su produzioni elevate e con aspettative di crescita notevoli. L’ultima varietà introdotta a frutto giallo, e che stà riscuotendo grande interesse dagli agricoltori e dal ci consumatori, è Soreli selezionata nel 2005 da Guido Cipriani e Raffaele Testolin dell’Università di Udine.

 

Batteriosi, un nuovo nemico

Altro argomento di grande importanza è la batteriosi dell’actinidia, originata dallo Pseudomonas syringae pv. Actinidae: un batterio nocivo che sta pesantemente minacciando centinaia d’ettari di coltivazioni di kiwi nelle province di Latina, Roma e Treviso. ‘E' un cancro batterico - ha spiegato Riccardo Spinelli, tecnico di Zespri Italia - che si è manifestato per la prima volta negli anni '80 in Giappone. Nel 1994 è avvenuta la prima segnalazione in Italia (Scortichini, 1994) per poi ripresentarsi nel giugno del 2008 in diversi impianti della provincia di Latina. L’esplosione si è avuta a febbraio 2009 in concomitanza con basse temperature, che sembrano rappresentare un elemento  importante nella manifestazione sintomatologia. La situazione non è allarmante; tuttavia, il problema va rapidamente affrontato alla radice attraverso un attento monitoraggio ed un’accurata opera d’intervento e prevenzione.’

Persolino, partner attivo nella ricerca varietale

‘Grazie all’aiuto di alcuni partner - spiega Eraldo Tura, professore al Persolino di Faenza - la nostra scuola potrà partecipare e collaborare allo sviluppo di un importante progetto sul miglioramento genetico dell’actinidia. Gli obiettivi dell’iniziativa sono quelli d’individuare caratteri organolettici innovativi e d’elevato valore, precocità di maturazione, autocompatibilità fiorale, colorazione dei frutti e adattabilità ambientale. Il progetto si svilupperà attraverso una gestione del campo di piante madri, nella successiva ibridazione delle piante interessanti, realizzazione dei semenzali, valutazione degli stessi semenzali, coltivazione e valutazione clonale con eventuale brevettazione delle cultivar ritenute più interessanti. Successivamente si passerà alla commercializzare delle nuove varietà.’ 

© AgroNotizie - riproduzione riservata

Fonte: Plantgest

Autore:

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 238.856 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner