Al via la 45° mostra pomologica

Roma, 27 settembre 2008. Biodiversità frutticola e miglioramento genetico i temi sotto i riflettori

Questo articolo è stato pubblicato oltre 12 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

mostra-pomologica-Roma2008-depliant.jpg

La 45° Mostra Pomologica si terrà a Roma il 27 settembre 2008. L'evento, organizzato dalla Soi (Società di Ortoflorofrutticoltura Italiana) e dal Centro di Ricerca per la Frutticoltura, sarà dedicato al tema "Dalla conservazione della biodiversità frutticola alle varietà migliorate": il percorso per migliorare le varietà attraverso la selezione di caratteri dovuti a geni introgressi da specie selvatiche, antiche o mutate, a caratteri additivi o a ricombinazione del Dna.

Le specie in esposizione saranno numerose: a fianco dei campioni di frutta delle collezioni varietali e dei germoplasmi autoctoni (circa mille campioni testimonieranno della ricchezza di biodiversità di frutta in questo periodo) saranno in mostra per i consumatori, i frutticoltori e i vivaisti alcune delle varietà e selezioni più affermate o promettenti ottenute dal Centro di Frutticoltura, da altre Istituzioni di Ricerca e dall'attività di miglioramento genetico privata. Come è consuetudine di questo Centro, parteciperanno all'evento importanti vivaisti italiani e stranieri con le loro novità varietali.

Assieme alla parte espositiva, il Centro apre le porte ai partecipanti per visitare i quarantasei ettari di collezione del germoplasma frutticolo e i laboratori per la crioconservazione e l'identificazione varietale basata sull'analisi del Dna. Spiegazioni e brevi dimostrazioni saranno date durante le visite. I partecipanti di buona volontà concorreranno allo svolgersi di un consumer's test, cioè alla formulazione di un giudizio di accettabilità da parte del consumatore su quattro varietà di pomacee.

Durante la manifestazione saranno effettuati i saggi gustativi su campioni di frutta in un apposito spazio attrezzato.

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 242.300 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner