Qualità e valore per il kiwi italiano

A Torino un incontro per affrontare il tema della qualità del kiwi che oggi più che mai assume grande importanza per la frutticoltura piemontese

Lorenzo Cricca di Lorenzo Cricca

Questo articolo è stato pubblicato oltre 12 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

kiwi ok.jpg

La campagna di raccolta kiwi sul territorio italiano sta per partire e vista l'importanza acquisita da questo frutto negli ultimi anni, sia per il mercato interno che per l'esport, giovedì 21 agosto 2008 presso l’Assessorato all’Agricoltura della Regione Piemonte a Torino si è svolto un incontro con tutti gli esponenti della filiera ortofrutticola per affrontare il tema dei controlli di qualità sul kiwi e delle tempistiche per la raccolta. E’ emersa, al termine dell’incontro, l’opportunità di svolgere un’azione incisiva e integrata tra i diversi soggetti preposti ai controlli di qualità e fitosanitari, per garantire che il prodotto piemontese rispetti gli standard previsti dalle normative e confermi il proprio valore di eccellenza riconosciuto a livello internazionale. L'incontro, presieduto dall’Assessore Mino Taricco, ha visto la presenza del Direttore dell’Area Ispettiva di Agecontrol, Giuseppe Confaloni (l’agenzia nazionale preposta ai controlli di qualità sui prodotti ortofrutticoli), dei rappresentanti dell’Agenzia delle Dogane (Direzione Regionale e Uffici di Cuneo), delle organizzazioni professionali agricole, delle organizzazioni dei produttori e degli esportatori-importatori.

Il kiwi, oggi uno dei prodotti di punta della frutticoltura della Regione Piemonte - dove ha trovato condizioni pedoclimatiche favorevoli, con importanti valori destinati all’esportazione - raggiunge il livello ottimale di maturazione per la raccolta a partire dagli inizi di ottobre. La normativa comunitaria prevede (Reg. CE 1673/2004) che il frutto debba raggiungere i 6.2 gradi Brix per il prodotto "condizionato", ovvero predisposto per la commercializzazione (i gradi Brix sono un parametro che misura il contenuto zuccherino). Una raccolta troppo anticipata, che non permette al prodotto di raggiungere correttamente gli standard qualitativi ottimali, rischia di pregiudicarne la qualità e l’immagine sul mercato: di qui la necessità di attenersi alle procedure.


'E’ importante – afferma l’Assessore all'Agricoltura della Regione Piemonte Mino Taricco – che le tempistiche previste e i parametri qualitativi siano rispettati da tutti i produttori, perché solo in questo modo si può garantire che il prodotto piemontese commercializzato risponda agli standard di eccellenza che ne costituiscono il punto di forza. Abbiamo voluto riunire allo stesso tavolo l’intera filiera produttiva e gli enti preposti ai controlli e abbiamo riscontrato un pieno accordo: crediamo che l’immagine e la qualità delle nostre produzioni debbano essere assolutamente salvaguardate per garantire prospettive di sviluppo dell’intero settore. Nei prossimi mesi ci attiveremo anche presso il Ministero per richiedere una revisione dell’attuale normativa, con l’introduzione di date minime per l’avvio della raccolta e di modalità di controllo più incisive.' (Fonte: Diariodelweb)


Il kiwi in Italia e in Piemonte
Il positivo trend degli investimenti a kiwi in Italia ha condotto la consistenza degli impianti nel 2007 a 26.700 ettari; la produzione è in costante crescita e ha superato le 500.000 tonnellate, rappresentando circa il 70% della produzione dell’Emisfero Nord. Le proiezioni al 2009 danno un incremento del 6% rispetto a dicembre 2006. Il Piemonte rappresenta la seconda regione italiana, dopo il Lazio, per la produzione di kiwi: circa 5.000 ettari, distribuiti prevalentemente nella Provincia di Cuneo e in quella di Torino, per oltre il 20% della produzione italiana. Il kiwi rappresenta anche la maggior realtà del nostro export (+12% rispetto al 2006 per 1.000.000 di q.li esportati dal Piemonte), con prospettive di crescita importanti, anche grazie all’apertura di nuovi mercati. Gli investimenti a kiwi nel mondo sono raddoppiati rispetto agli anni ’90, raggiungendo i 140.000 ettari. L’importanza dei vari Paesi produttori è determinata dalla loro capacità d’esportazione: i paesi più significativi risultano così la Nuova Zelanda ed il Cile per l’emisfero sud e l’Italia per l’emisfero nord. (Fonte: Cso di Ferrara)

© AgroNotizie - riproduzione riservata

Fonte: Regione Piemonte

Autore:

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 242.292 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner