Italia divisa in due tra Africa e Atlantico

Le regioni centro-settentrionali sotto ad un flusso di correnti instabili, il resto del Paese alle prese con una fiammata subtropicale

Andrea Tura di Andrea Tura

meteo-weekend25-aprile-2019.jpg

Affondo instabile sul Mediterraneo dal weekend
Fonte foto: MeteoGiuliacci

Un contesto più dinamico contraddistingue il Mediterraneo e parte dell'Italia, grazie ad un’area depressionaria in evoluzione tra la Penisola iberica ed il nostro territorio, responsabile del peggioramento iniziato nella giornata dalla Pasquetta. Un peggioramento che ha colpito soprattutto il Centro Nord con rovesci e temporali, mentre il Sud - più ai margini - si ritrova sotto correnti molto calde africane; una situazione che ci terrà compagnia per diversi giorni.
 

Il punto della situazione

Gli ultimi scatti satellitari mettono in evidenza una situazione meteo europea turbolenta, con alcuni cicloni in rapida evoluzione sul continente. Il primo vortice, quello afro-mediterraneo che ha innescato il vivace maltempo degli ultimi giorni soprattutto nelle isole maggiori, è ormai stato assorbito completamente dalla nuova depressione in approfondimento sulle coste occidentali europee, ma è ancora in grado di mantenere viva un’area nuvolosa per lo più frastagliata tra la Spagna, Francia meridionale ed Nord Italia, zone in cui potremmo avere fenomeni localizzati ed a tratti moderati.
La nuova robusta perturbazione tra il sud delle isole britanniche e la Francia nord-occidentale è frutto di un’estesa saccatura che dal Nord Atlantico va ad affondare verso le basse latitudini toccando addirittura le coste nord africane.
Un assetto barico però favorevole ad un cospicuo richiamo subtropicale sulle nostre regioni centro-meridionali, cariche inoltre di una grande quantità di umidità raccolta sul Mediterraneo e di polveri sahariane innalzate dalle tempeste presenti tra Marocco ed Algeria.
 

Analisi e previsione

Questo comporterà una lunga fase di maltempo che colpirà di tanto in tanto il Mediterraneo occidentale, interessando direttamente la Spagna, le coste meridionali francesi, l’Italia settentrionale e le regioni centrali tirreniche.
Nelle prossime ore la struttura depressionaria arretrerà temporaneamente verso i quadranti occidentali, richiamata - come accennato - dall’approfondimento del nuovo vortice ciclonico sull’Atlantico.
Sull’Italia avvertiremo un generale miglioramento che raggiungerà gran parte delle aree peninsulari grazie ad una maggiore spinta anticiclonica subtropicale. Nuove correnti africane interesseranno in particolare le regioni centro-meridionali ove oltretutto le temperature tenderanno ad aumentare ulteriormente portando un breve assaggio sostanzialmente estivo; il Settentrione avvertirà però ancora infiltrazioni instabili convogliate dai sistemi perturbati che lambiranno il territorio.
 

Meteo del 25 aprile: instabile al Nord

Nel giorno della Liberazione non splenderà ovunque il sole, perché il nord potrebbe risentire della circolazione instabile presente sull'Europa Nord-Occidentale. Sono perciò attesi rovesci anche a sfondo temporalesco soprattutto su Alpi e Prealpi che, con il passare delle ore, tenderanno a sconfinare sulle pianure limitrofe di Lombardia e Veneto. Qualche cumulo ad evoluzione diurna associato a possibili acquazzoni potrebbe interessare anche la dorsale appenninica centro-settentrionale di settori interni della Sardegna.
Al Sud ed in particolare sulla Sicilia, avremo invece temperature massime prossime ai 30 gradi.

Italia divisa in due

Nell’attesa quindi dell’affondo vero e proprio verso sud della profonda depressione sull'Europa occidentale che sta scatenando burrasche tra la Francia e le isole britanniche, chiuderemo la settimana alle prese con deboli impulsi instabili che colpiranno principalmente nelle ore diurne il Nord con nuove piogge e temporali. Le precipitazioni più probabili ed intense raggiungeranno la Liguria, il Nord-Ovest ed in genere le aree alpine e prealpine.
Più ai margini i settori centrali e la Sardegna, ove non si esclude qualche locale piovasco più probabile sulle aree interne della Toscana e dell’isola, mentre al Sud continuerà indisturbato il bel tempo con assenza di fenomeni significativi.
Nel weekend l’affondo più deciso sui settori centrali del continente della circolazione depressionaria euro-atlantica cambierà le sorti della nostra Penisola. I venti ruoteranno dai quadranti nord-occidentali e nuovi impulsi instabili attaccheranno ancora il Nord, estendendosi rapidamente verso le regioni centrali e sul versante adriatico. Seguirà aria più fresca e quindi una sensibile flessione delle temperature.
 

Tendenza

Il quadro meteorologico del medio e lungo termine non subirà sostanziali variazioni, ricalcando l’andamento di questi ultimi giorni.
Nella giornata di domenica un flusso instabile e più fresco scivolerà sull’Italia, con maggiore probabilità sui settori adriatici, condizionando il tempo dei restanti giorni del mese di aprile. Una ferita dura a rimarginarsi, tant’è che rimarrà una sorta di palude barica sul Mediterraneo settentrionale che manterrà viva una certa variabilità. Il Sud Italia continuerà ad essere influenzato da parentesi subtropicali, che intervalleranno fiammate a momenti più freschi.
Un andamento che potrebbe rappresentare tutta la prima decade di maggio, con l’assenza di una vera figura dominante.

© AgroNotizie - riproduzione riservata

Fonte: Agronotizie Meteo

Autore:

Tag: meteo previsioni e tendenza meteo settimanale

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 191.573 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner