Forum

Home   Supporto

Iscriviti alla community per partecipare al forum e vedere gli autori dei messaggi

Difesa da parassiti animali
Malattia del pero

Discussione avviata lunedì 7 maggio 2018 - 12:17 • viste: 4993 • risposte: 3

RE: Malattia del pero

Scritto lunedì 7 maggio 2018 - 15:22

Salve,
allego foto delle mie piante di pero con una malattia che non conosco.


L'anno scorso era stata colpita una sola pianta; quest'anno la malattia si è diffusa alle piante limitrofe.
Le foglie presentano come delle bolle bianche che poi, nel tempo, diventano color ruggine/marrone.
I frutti l'anno scorso non erano stati intaccati, mentre, quest'anno, mi sembrano presentare anch'essi delle piccole gibbosità.


Mi potete aiutare a capire di che malattia si tratta?
Grazie

rispondi

RE: Malattia del pero

Scritto giovedì 17 maggio 2018 - 14:26

Salve,
non si tratta di una malattia ma di un acaro. Sono infatti i sintomi di un attacco dell'eriofide vescicoloso del pero Eriophyes pyri.
Nell'ultima foto, inoltre, si nota in sovrapposizione un parziale arrotolamento del lembo fogliare causato da un insetto, il dittero Dasyneura pyri

rispondi

RE: Malattia del pero

Scritto mercoledì 22 aprile 2020 - 18:20

paoloculatti wrote:

Salve,
non si tratta di una malattia ma di un acaro. Sono infatti i sintomi di un attacco dell'eriofide vescicoloso del pero Eriophyes pyri.
Nell'ultima foto, inoltre, si nota in sovrapposizione un parziale arrotolamento del lembo fogliare causato da un insetto, il dittero Dasyneura pyri

Salve sono nuovo del forum...desidererei sapere quale rimedio possibile poter attuare a questo tipo di acari dato che ne ho riconosciuto le caratteristiche dalla foto pubblicata in questo post. Grazie resto in attesa di jna risposta

rispondi

RE: Malattia del pero

Scritto giovedì 23 aprile 2020 - 09:57

se i sintomi erano già presenti lo scorso anno, sarebbe stato utile trattare con olio bianco miscelato con zolfo ad ingrossamento gemme.
Con la pianta in vegetazione in caso di gravi attacchi si possono impiegare acaricidi a base di Abamectina o Fenpyroximate, per basse infestazioni potrebbe essere sufficiente intervenire con lo zolfo, con le dovute cautele per evitare fenomeni di fitotossicità.
Saluti

rispondi

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner