La fase di accrescimento e sviluppo del grappolo, quella che maggiormente interessa dal punto di vista produttivo, rappresenta un momento di fondamentale importanza al fine di garantire un buon equilibrio quanti-qualitativo del prodotto. Questa fase è ovviamente legata a diversi fattori: condizioni climatiche, gestione post raccolta e stato nutrizionale e idrico delle piante.

 

In fase di germogliamento l'attività di crescita dell'apparato radicale è modesta e altrettanto modesto è l'assorbimento dei nutrienti. Il flusso di nutrienti necessario per la crescita iniziale dei nuovi germogli è assicurato dalle riserve accumulate nel corso della stagione precedente. Con il progredire della crescita dei germogli e il parallelo consumo di riserve, diviene attivo lo sviluppo delle radici assorbenti e il relativo assorbimento di nutrienti minerali, destinati soprattutto alla crescita vegetativa (germogli e radici). Successivamente c'è una fase molto delicata che va da pre a fine fioritura; questo momento è importantissimo in quanto vengono posti gli obiettivi produttivi per quanto riguarda numero di grappoli e acini, allo stesso tempo rappresenta un momento di forte dispendio energetico da parte della pianta.

 

Grena propone di intervenire preventivamente in questa fase mediante l'ausilio di biostimolanti come Idrogrena, estratto liquido di poliammine che permette di attivare il metabolismo nei confronti di una fase dispendiosa dal punto di vista energetico come quella della fioritura e allo stesso tempo va a ottimizzare il processo a livello biochimico.


Con la transizione alla fase di fruttificazione e soprattutto di maturazione, il sink principale degli elementi nutritivi diviene il grappolo. Comunemente in questa fase si riduce l'attività di crescita e la capacità di assorbimento dell'apparato radicale, così una parte delle esigenze in nutrienti minerali del grappolo, particolarmente elevate in azoto e potassio, viene soddisfatta dalla ricircolazione interna dei nutrienti, che vengono in parte riallocati dagli assi dei germogli in corso di lignificazione e dalle foglie verso i grappoli stessi. In particolare sono le foglie basali del germoglio quelle particolarmente coinvolte nel processo di ritraslocazione.

 

Questo processo, chiaramente, pone la pianta in una condizione di richiesta di energia per attivare tali vie metaboliche; anche in questo caso Idrogrena e IdroKgrena (poliammine combinate con ossido di potassio), intervengono per una migliore traslocazione a livello cellulare degli elementi nutritivi che vengono convogliati verso il grappolo. Altro importante effetto è la stimolazione delle poliammine sulla divisione cellulare, che in fase di accrescimento e sviluppo del grappolo permette un maggior allungamento del grappolo e accrescimento degli acini.

 

grappolo-uva-vite-fonte-grena.jpg
Con la transizione alla fase di fruttificazione e soprattutto di maturazione, il sink principale degli elementi nutritivi diviene il grappolo Fonte foto: Grena