Scarseggiano le piogge, volano i prezzi dei fertilizzanti. Due situazioni che non vanno certo a favore degli agricoltori e delle loro colture. Se contro la siccità si possono adottare moderne tecniche irrigue, dai bassi volumi somministrati in modo mirato, contro gli aumenti dei fertilizzanti è bene razionalizzarne gli usi, raffinando sia le scelte tecniche sui prodotti, sia le modalità di distribuzione in campo. Infine, vi è anche la possibilità di ridurre la necessità di apporti irrigui e nutrizionali aggiuntivi, ricorrendo a soluzioni naturali atte migliorare la capacità degli apparati radicali di estrarre al meglio tali risorse dal terreno. 


In tal senso è nota da tempo l’importanza dei funghi micorrizzici per le colture agrarie, ampiamente riscontrata dalla comunità scientifica internazionale. Questi microrganismi instaurano infatti nel suolo una simbiosi con gli apparati radicali, interagendo positivamente con circa l’80% delle specie vegetali e con la maggior parte delle colture agrarie. La simbiosi micorrizica promuove la crescita delle porzioni ipogee delle piante, aumentando in tal modo la capacità di assorbire acqua e nutrienti presenti nel suolo, oppure aggiunti tramite irrigazioni e concimazioni. A conferma, la superficie assorbente della pianta può essere aumentata di circa quaranta volte rispetto alle piante non micorrizzate.

 

Le piante micorrizzate, invece, non solo hanno una crescita più elevata, ma anche una più alta tolleranza agli stress abiotici, come penurie idriche, salinità, o eccesso di elementi potenzialmente fitotossici, nonché agli stress biotici causati da funghi patogeni e parassiti.


La soluzione di Aifar

I benefici sopra esposti possono essere ottenuti somministrando alle colture BIOPRO-Energy Plus di Aifar. Questa soluzione fornisce infatti alla pianta un inoculo a base di funghi micorrizici e di Trichoderma spp, unito ad alte concentrazioni di batteri PGPR di alta qualità (Plant Growth Promoting Rizho-Bacteria), tra i quali si annoverano anche microrganismi azotofissatori in grado di incrementare la quantità di azoto assimilabile dalla pianta.

 

Ottimizzando l’assorbimento di questo elemento fondamentale, la concimazione azotata può essere ridotta anche del 30-50% a seconda delle condizioni e delle colture, fornendo un valido aiuto ai molti agricoltori che in questo momento stanno pensando di risparmiare sui concimi azotati, il cui costo è schizzato alle stelle. Il consorzio di microrganismi fornito da BIOPRO-Energy Plus induce infatti nella pianta molteplici benefici che possono essere riassunti nella figura riportata di seguito:

 

aifar-micorrize-benefici.jpg

 

Effetto a livello radicale BIOPRO Energy plus su pomodoro in serra. Evidente la maggiore radicazione:

 

aifar-biopro-radicazione-pomodoro.jpg

 
Effetto BIOPRO energy plus su zucchino per una maggior vigoria della pianta:

 

aifar-biopro-zucchine.jpg