Come preservare e migliorare la fertilità dei suoli

Petro, la storica linea di concimi di fondo Agriges, si arricchisce di una nuova tecnologia

Contenuto promosso da Agriges
petro-linea-suoli-stanchi-fonte-agriges.jpg

I prodotti della linea Petro sono a base di sostanza organica altamente umificata e ricchi di flora microbica benefica per il suolo, acidi umici ed acidi fulvici

È questa un'annata difficile per il mercato dei concimi, l'alternanza dei prezzi delle materie prime dei fertilizzanti minerali genera instabilità sul mercato e difficile la pianificazione e la gestione delle concimazioni. Se "ogni impedimento è giovamento", è questo l'anno per tornare a riflettere sull'importanza di preservare e migliorare la fertilità dei suoli, oggi sempre più depauperati da pratiche agricole non sostenibili. È l'occasione per intervenire, in fase di concimazione di fondo, con prodotti organici che oltre ad apportare i nutrienti necessari per il sostentamento delle colture rinnovano la fertilità e la vitalità dei suoli agrari. 

Agriges, a tali scopi, propone la sua linea di concimi di fondo Petro.

I prodotti della linea Petro sono a base di sostanza organica altamente umificata e ricchi di flora microbica benefica per il suolo, acidi umici ed acidi fulvici. Questi sono caratterizzati dalla presenza di tre differenti materie prime che li rendono naturalmente a "lenta cessione", parliamo di letami altamente umificati, matrici vegetali e pregiate materie prime proteiche.

I prodotti della linea, per la natura della loro composizione, hanno poi una forte azione biostimolante grazie alla presenza al loro interno di amminoacidi altamente assimilabili e di un trittico di alghe della tecnologia RyZea, con una forte azione biostimolante sulla pianta. 

In aggiunta, in ogni titolo della linea è presente una percentuale di solfato di calcio con azione acidificante e desalinizzante del suolo.

Dal 2022 tutti i titoli della linea Petro si arricchiscono di una nuova tecnologia: ThioBac, contro la salinità e la stanchezza dei suoli.

ThioBac nasce dalla collaborazione di Agriges con l'Università degli Studi di Napoli Federico II, nell'ambito del progetto Benevegefit, con lo scopo di bioattivare il metabolismo vegetale e ridurre le perdite di produzione, anche in caso di forti stress abiotici come quelli osmotici. Il cuore della tecnologia è la sinergia tra gli esclusivi batteri siderofori e le matrici organiche e minerali:

  • i batteri di ThioBac (Bacillus megaterium EL5) chelano il ferro rendendolo disponibile per la pianta;
  • gli acidi organici favoriscono l'allontanamento del sodio così riducendo la salinità del suolo.
  • lo zolfo micronizzato (con un diametro medio delle particelle di 100 μm) riequilibra il pH del suolo ed allontana i sali in eccesso.
  • la presenza di ferro totalmente disponibile svolge un'azione rinverdente della chioma.

Per maggiori informazioni sulla tecnologia ThioBac guarda il video


Scarica la nuova brochure della linea Petro

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 277.055 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner