Post vendemmia, fertilizzare è fondamentale per il terreno e per la qualità delle uve

Per una nutrizione autunnale efficace, Fomet propone Orosoil®, Starsoil®, Aker®, Ecoferro®, Vertyplus® e Vigoramin® N8

Contenuto promosso da Fomet
vigneto-fonte-fomet.jpg

È fondamentale integrare le asportazioni di elementi nutrizionali avvenute con la vendemmia

Il periodo post vendemmia è un momento chiave per agire sulla fertilità del suolo in vigneto, i cui problemi sono legati spesso alla carenza di sostanza organica, alla eccessiva ossidazione in superficie, alla scarsa attività biologica, al compattamento. È inoltre fondamentale integrare al più presto le asportazioni di elementi nutrizionali avvenute con la vendemmia in modo tale da garantire una partenza migliore la stagione successiva.

Concimazione di fondo

Per i suoli vitati le soluzioni percorribili sono molteplici e devono differire in base al tipo di terreno e alla tipologia di vigneto. Di seguito alcuni prodotti che Fomet ritiene siano più adatti per una nutrizione autunnale efficace.

Orosoil® e Starsoil® sono due formulati organici pellettati con inoculo di micorrizze e trichoderma. Il primo è a base organica selezionata di origine esclusivamente vegetale, il secondo con base organica mista tra vegetale selezionato e letami animali umificati. In entrambi i casi, durante il processo di formulazione prima della pellettatura, vengono addizionate micorrize e inoculato un pool selezionato di microrganismi (tra cui trichoderma). L'obiettivo finale è sviluppare l'attività microbiologica in terreni viticoli difficili, "freddi”, anche diserbati da anni, al fine di rigenerarli. O intervenire in occasione di nuovi impianti a seguito di scasso e riporto di terreni la cui fertilità deve essere riattivata.
Per i due prodotti l'inoculo è pari allo 0,2% di micorrize in termini di peso, espresso in etichetta della confezione pari a 2x104 CFU/kg di prodotto tal quale e 1% di trichoderma sempre in termini di peso, espresso in etichetta della confezione pari a 1x108 CFU/kg di prodotto tal quale; valori tra i più elevati che si possano riscontrare sul mercato per queste tipologie di fertilizzanti. 

Il tutto si completa con i contenuti nutrizionali tipici delle matrici organiche utilizzate, con apporto di azoto (N), fosforo (P2O5), potassio (K2O), carbonio (C) e l'insieme dei microelementi contenuti in modo naturale. Così pure il valore di pH è in linea con la neutralità, conforme alle necessità della coltura vitata.

cfpn-rilievo-barbatelle-fonte-fomet.jpg
Figura 1: Cfpn, Center for Plant Nutrition di Fomet Spa: rilievo barbatelle di Merlot dopo 90 giorni in vaso con substrato in miscela al 20% di Starsoil® ed Orosoil® per studio sviluppo radice


Aker®

Se la necessità agronomica è di avere un prodotto utilizzabile in agricoltura convenzionale che unisca la componente organica umificata a dei titoli in azoto, fosforo e potassio più rilevanti Aker® è la soluzione migliore. Il prodotto, sempre in forma pellettata, è un NPK 9-5-13 con potassio da solfato. Si presenta molto asciutto e come per gli altri prodotti della gamma Fomet è facilmente distribuibile con uno spandiconcime tradizionale. Si consiglia la distribuzione dopo la raccolta e/o in primavera, a seconda delle esigenze nutrizionali della pianta. 


Ecoferro®

Ecoferro è un prodotto storico di Fomet che da sempre garantisce grandi risultati in termini di rinverdimento in tutte quelle situazioni dove la pianta tende a soffrire di ingiallimenti causati da clorosi ferriche più o meno pesanti dovute a una mancanza dell'elemento o una indisponibilità da parte del suolo. Il prodotto composto da solfato di ferro eptaidrato al 25% è complessato con letame umificato che ne garantisce una cessione graduale e una protezione dall'immobilizzazione nel suolo. 


Integrazione per via fogliare

Per quanto riguarda una possibile concimazione fogliare durante la stagione autunnale, appena terminata la raccolta si consiglia di intervenire con un prodotto come Vertyplus® alla dose di 2 chilogrammi/ettaro per apportare tutti i microelementi che la pianta ha perso durante la raccolta. Prima della caduta foglie i fotosintati (amidi, zuccheri, grassi oltre agli elementi nutrizionali) vengono traslocati nel legno per essere disponibili alla partenza della stagione successiva. Intervenire con un prodotto contente ferro, manganese, boro, zinco, molibdeno più il mesoelemento magnesio, prima della senescenza fogliare permette di avere una pianta che in primavera riparte con meno ingiallimenti e fenomeni di carenza che possono essere presenti anche prima della loro manifestazione. A Vertyplus® è consigliabile miscelare Vigoramin® N8, un prodotto a base di epitelio animale idrolizzato ricco in amminoacidi e con un 8% di azoto organico.


foglia-di-vite-fonte-fomet.jpg


Per ulteriori informazioni sulle proposte tecniche di Fomet Spa in viticoltura, consulta il sito