Psr Abruzzo, il bando per l'incremento della sostanza organica

A disposizione settecentomila euro per contributi a superficie per l'apporto di ammendanti e concimi organici. Scadenza il 10 luglio 2021, all'interno il link al bando

letame-trattore-by-maurice-metzger-adobe-stock-750x422.jpeg

Sostanza organica, in Abruzzo il bando per i contributi per il mantenimento e l'incremento nei suoli tramite concimazioni e ammendanti
Fonte foto: © Maurice Metzger - Adobe Stock

E' aperto in Abruzzo il bando attivato sull'intervento 10.1.4 che riguarda l'incremento della sostanza organica nei terreni e che fa parte delle misure agroclimatico ambientali.

L'obiettivo è quello di arricchire i terreni coltivati di sostanza organica, o almeno di ridurne la perdita mediante l'utilizzo di pratiche agronomiche appropriate e l'uso di ammendanti.

Al bando possono partecipare come beneficiari tutti gli agricoltori singoli o privati o gli enti pubblici che siano titolari di una azienda agricola che conducano almeno un ettaro di Sau e che abbiano terreni con una dotazione di sostanza organica bassa o normale.

La dotazione di sostanza organica dipende dalla tipologia di terreno e precisamente per partecipare al bando deve essere:
  • minore o uguale all'1,4% nei terreni sabbiosi;
  • minore o uguale all'1,8% nei terreni franchi;
  • minore o uguale al 2,2% nei terreni tendenzialmente argillosi.

La dotazione di sostanza organica nel terreno deve essere dimostrata tramite un certificato di analisi.

Il bando prevede un contributo ad ettaro di 230 euro all'anno, per tre anni. Il contributo è cumulabile con quelli previsti dagli interventi 10.1.3 sulla conservazione del suolo, dalla misura 11 sull'agricoltura biologica e dall'intervento 10.1.1 sulla produzione integrata.

Nel caso però sulla stessa superficie sia richiesto il contributo per la produzione integrata, il contributo per l'incremento della sostanza organica è ridotto a 100 euro/ettaro all'anno.

Chi riceverà i contributi dovrà impegnarsi per tre anni (fino al 14 maggio 2024) ad apportare sostanza organica sotto forma di letame, letame artificiale, ammendanti vegetali compostati o no, ammendanti torbosi, frazioni palpabili di liquami. E' sempre vietato l'uso di fanghi di depurazione.

La sostanza organica apportata deve avere un rapporto C/N maggiore o uguale a 12 e le quantità da apportare ogni anno devono essere al massimo di:
  • 15 t di sostanza secca ad ettaro per i terreni poveri di sostanza organica;
  • 13 t di sostanza secca ad ettaro per i terreni con dotazione normale di sostanza organica.
Gli agricoltori che ricevono i contributi devono mantenere aggiornati i registri aziendali e far redigere un piano di fertilizzazione da un tecnico abilitato.

Le domande devono essere inviate ad Agea tramite il portale Sian entro il 10 luglio 2021. Per maggiori informazioni e dettagli si rimanda alla pagina ufficiale del bando.

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 261.670 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner