L'importanza dello zolfo per la nutrizione delle brassicacee

Unimer propone alcuni suoi concimi organo-minerali, per un apporto nutrizionale equilibrato anche di zolfo

Contenuto promosso da Unimer
brassiche-brassica-brassicacee-by-emuck-adobe-stock-749x500.jpeg

Il consumo delle brassicacee è in notevole crescita anche per le loro riconosciute proprietà nutraceutiche (Foto di archivio)

Le brassicacee sono un’importante famiglia di vegetali molte delle quali coltivate in tutto il pianeta per usi alimentari e industriali. Tra quelle coltivate ad uso industriale troviamo principalmente il colza, utilizzato per la produzione di olio alimentare e per la trasformazione in biodiesel, che viene seminato a fine estate per essere raccolto a fine primavera dell’anno successivo. Molte sono le specie coltivate in orticoltura sia per il consumo di radici come rape, ravanelli, rafani, sia per il consumo di foglie come il cavolo nero, la rucola, le verze e i broccoletti ed anche per il consumo delle infiorescenze come i cavoli a testa, i broccoli, i cavoli di Bruxelles, etc.

Il consumo delle brassicacee è in notevole crescita anche per le loro riconosciute proprietà nutraceutiche dovute al loro elevato contenuto di sali minerali, Vitamina C e glucosinolati. Lo zolfo entra nella composizione di questi ultimi composti che sono responsabili dei sapori e degli odori caratteristici di questi ortaggi e sono considerati potenti antiossidanti e antitumorali. Questo è il motivo per il quale lo zolfo rappresenta un elemento nutritivo particolarmente importante per la coltivazione di queste specie vegetali al pari di azoto, fosforo e potassio. 

Le brassiche prediligono suoli di medio impasto, ben strutturati, drenanti e ricchi di sostanza organica. In particolare i suoli più leggeri, a struttura prevalentemente sabbiosa, sono quelli più adatti per la coltivazione delle specie per la produzione di radici.

Unimer produce un’ampia gamma di ammendanti utili a mantenere e ripristinare unadeguato livello di sostanza organica nel suolo come Superstallatico, miscela di letame bovino ed equino ad alto grado di umificazione, oppure Microlife, ammendante letame arricchito con uno specifico inoculo contenente funghi e batteri della rizosfera, in grado di ristabilire un corretto equilibrio microbiologico dei suoli più stanchi, con notevoli vantaggi per l’efficienza e lo sviluppo dell’apparato radicale. Per chi preferisce utilizzare ammendanti di esclusiva provenienza vegetale è disponibile Green Power, ammendante torboso composto, anch’esso particolarmente ricco di acidi umici e fulvici. Tutti gli ammendanti Unimer sono certificati anche per l’impiego in regime di coltivazione biologica.


Per la concimazione di base delle brassicacee, Unimer consiglia l’impiego di Diablo S, concime organo-minerale NPK (Ca-S) 9-12-18 con zolfo (15%), calcio (8%) e microelementi, in grado di supportare al meglio le esigenze nutrizionali di queste colture con un apporto equilibrato di azoto, fosforo, potassio e zolfo oltre che di calcio. Quest’ultimo nutriente migliora la consistenza delle membrane cellulari e conferisce ai raccolti una maggior resistenza alla manipolazione ed una migliore shelf life.
Diablo S contiene anche importanti microelementi come boro, ferro e zinco che ne completano il profilo nutrizionale. Gli acidi umici e fulvici contenuti nella frazione organica proteggono gli elementi nutritivi da fenomeni di insolubilizzazione e lisciviazione migliorando notevolmente l’efficienza nutrizionale del formulato.
 
Diablo S

Per le colture a ciclo lungo, che necessitano di ulteriori apporti azotati, è possibile effettuare l’applicazione di Super Azotek N32, concime organo-minerale azotato con zolfo (7%) che grazie alle diverse forme azotate a rilascio graduale è in grado di supportare la coltura per tutto il ciclo vegetativo.
Super Azotek
Per la coltivazione in regime di agricoltura biologica, Unimer propone Armony concime organo-minerale NPK (Mg-S) 4-8-10 (2-8) con magnesio e zolfo. Nei suoli ricchi di potassio è possibile impiegare Jolly, concime organico NP 3-3 con zolfo (6%) e ferro, che permette di apportare anche notevoli quantità di sostanza organica umificata. Per soddisfare le esigenze azotate delle colture a ciclo lungo, la concimazione può essere completata da Endurance N8, concime organico azotato, anch’esso impiegabile per coltivazioni in regime di agricoltura biologica.
 

Tutti i fertilizzanti Unimer sono formulati in pratici minicubetti, compatti e di dimensioni contenute, facilmente impiegabili con le comuni macchine spandiconcime.
L’operazione di distribuzione meccanizzata è facilitata anche dal basso e costante grado di umidità dei formulati che, grazie al processo di essiccazione e sanificazione in forno industriale a 70° per almeno un’ora, garantisce l’assenza di organismi patogeni per l’uomo e per le piante in tutti i fertilizzanti Unimer, come da Reg. CE 1069/2009 e 142/2011 e successive modifiche ed integrazioni.

Oltre ai prodotti citati, Unimer offre un’ampia gamma di ammendanti, concimi organici e concimi organo-minerali per l’agricoltura biologica e convenzionale, in grado di soddisfare tutte le esigenze pedologiche e colturali della moderna agricoltura, le cui caratteristiche sono riportate sul sito www.Unimerfertilizzanti.it.

Per consigli di concimazione: ufficiotecnico@Unimer.it

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 234.564 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner