Il calcio: il mesoelemento per macro risultati

Timac Agro Italia propone soluzioni nutrizionali ad alto contenuto tecnologico in grado di supportare le piante durante il ciclo vegeto-produttivo

Contenuto promosso da Timac Agro Italia
calcio-adurcal-ferileader-magical-fonte-timac-agro.jpg

Timac Agro Italia da anni sviluppa tecnologie in grado di rendere il calcio disponibile, immediatamente assorbibile e assimilabile dalle piante

I principi della nutrizione vegetale ci insegnano che esistono elementi nutritivi chiamati macroelementi (azoto, fosforo e potassio), oltre diversi meso e microelementi in continuo aggiornamento. Nei primi anni dell’ 800, Justus Von Liebig, uno dei padri dell’applicazione chimica in campo agricolo, affermò, attraverso la sua omonima legge “di Liebig” (o legge del minimo), che la crescita di una pianta è controllata non dall’ammontare totale delle sostanze nutrienti disponibili, bensì dalla disponibilità di quella più scarsa.
Basandoci sull’esperienza in campo, il calcio rappresenta per le colture un elemento nutritivo di fondamentale importanza, tanto da essere annoverato, ormai da tempo, tra i mesoelementi più importanti per la nutrizione vegetale.

La sua funzione per la pianta è legata alla morfologia e alla fisiologia della cellula vegetale; essendo presente all'interno della sua parete, ne garantisce una maggiore consistenza e resistenza.
Oltre a queste importanti funzioni strutturali, va ricordata anche la sua rilevanza nella “comunicazione” di particolari condizioni, come la carenza di acqua e quindi la siccità; il calcio permette alla pianta di reagire prontamente, evitando danni a carico del sistema vegeto-produttivo.

La corretta ed equilibrata nutrizione a base di calcio, permette alla pianta di prevenire alcune delle principali fisiopatie legate alla calcio-carenza come seccume fogliare o “tip-burn” degli ortaggi, marciume apicale (Ber), disseccamento del rachide della vite, la butteratura amara nel melo e il cracking nelle drupacee.

Ma quali sono gli aspetti da prendere in considerazione per far sì che questo mesoelemento costituisca il reale valore aggiunto?
  • morfologia della pianta: l'assorbimento del calcio da parte della pianta è garantito a livello radicale esclusivamente a opera del giovane capillizio, generato durante il processo di rinnovamento della radice stessa;
  • fisiologia della pianta: è di fondamentale importanza associare il corretto apporto di calcio alla specifica fase fenologica, per far sì che esprima al meglio la sua funzione all'interno dei tessuti vegetali.

Timac Agro Italia da anni sviluppa tecnologie in grado di rendere il calcio disponibile, immediatamente assorbibile e assimilabile dalle piante. Attraverso la pratica della fertirrigazione e delle irrorazioni, è possibile integrare efficacemente gli elementi nutritivi necessari alle nostre colture, in particolare attraverso l’utilizzo di alcuni prodotti chiave, come:
  • AdurCal: il fertilizzante idrosolubile in forma liquida, totalmente a base di calcio, che, grazie alla tecnologia Roullier "AdurCal", potenzia la proliferazione del giovane capillizio radicale da cui viene assorbito il calcio e la traslocazione interna alla pianta.
    Ciò è reso possibile dalla sintesi endogena di acido indolacetico, co-trasportatore d'eccellenza del calcio all'interno dei tessuti vegetali;
  • Fertileader Magical: il fertilizzante liquido contenente calcio e magnesio, elemento quest’ultimo indispensabile per massimizzare il processo fotosintetico delle foglie e aumentare quindi l'assimilazione degli elementi all'interno della pianta. L’assorbimento (immediato) e l'assimilazione (totale) degli elementi nutritivi all'interno della coltura è garantito dall’esclusiva tecnologia Roullier "Seactiv".

I risultati che otteniamo attraverso la corretta ed equilibrata nutrizione calcica nelle nostre colture lo riscontriamo non solo nella struttura morfologica, nell’attività fisiologica e nella prevenzione delle fisiopatie (calcio-carenze), ma anche nel miglioramento sostanziale dei parametri qualitativi delle produzioni:
  • valorizzazione della sostanza secca e conseguente maggior peso e volume delle produzioni;
  • miglior shelf life e frigo-conservazione;
  • rafforzamento e ispessimento delle strutture cellulari aumentando di conseguenza la resistenza alla manipolazione meccanica dei prodotti;
  • incremento nella croccantezza della frutta e degli ortaggi (es. consistenza della polpa, delle bucce e delle drupe).

Quando si parla di nutrizione vegetale non conta, quindi, garantire solo la disponibilità dell’elemento minerale nella pianta, ma è rilevante assicurarne anche l’assorbimento, la traslocazione e la totale assimilazione, come garantito dai prodotti e dalle tecnologie Timac Agro Italia.