Impatto ambientale ridotto grazie ai concimi a cessione controllata

ICL ha commissionato a Blonk Consultants l'analisi del ciclo di vita del carbonio su produzione di patate olandesi utilizzando lo standard generale LCA ISO 14040-14044, l’Agri-Footprint 4.0 e il metodo Pef

Contenuto promosso da ICL Italia Treviso
patate-fonte-icl.jpg

I concimi a cessione controllata hanno caratteristiche che permettono la riduzione dell’impronta ecologica dei raccolti

I concimi a cessione controllata hanno alcune caratteristiche che permettono la riduzione dell’impronta ecologica dei raccolti:
  • assenza pressoché totale di lisciviazione (minor dilavamento);
  • dosaggi ridotti (si applica meno prodotto);
  • la possibilità di applicarli meno frequentemente (si esce meno volte in campo).


L'11% di CO2 in meno per ogni kg di patate: cosa vuol dire?

ICL ha commissionato a Blonk Consultants l'analisi del ciclo di vita del carbonio su produzione di patate olandesi utilizzando lo standard generale LCA ISO 14040-14044, l’Agri-Footprint 4.0 e il metodo Pef (Product environmental footprint) messo a punto dalla Commissione europea. 

Risultato? Riduzione dell'impronta ecologica (apporto di CO2) pari all'11% per ogni chilogrammo di patate prodotte.
Che tradotto in unità di misura a noi più facili da comprendere, significa un volume pari a:
  • 3.340 giri del mondo compiuti con un'auto di media cilindrata;
  • l'impianto di 865.622 alberi;
  • le emissioni di 1.731 persone (Europa occidentale) in un anno.
Loghi ICL 

Analisi della riduzione dell'impronta ecologia sulla produzione di patate con Agromaster

I calcoli dell’analisi del ciclo di vita del carbonio si basano sui dati di 19 prove ufficiali su patata condotte in NL tra il 2015 e il 2019. In tutte le prove sono state messe a confronto pratiche nutrizionali con e senza azoto ureico avvolto - l’apporto di azoto fornito da Agromaster e un modello messo a punto dalla Wageningen University & Research, per determinare quanto l’uso di concimi a cessione controllata riduca le perdite d’azoto.

I calcoli dell’analisi del ciclo di vita del carbonio tengono conto del processo di produzione di ICL e dei suoi fornitori, nonché dell’effetto del prodotto sul campo. Gli scenari delle coltivazioni senza urea avvolta, prevedevano:
  • urea applicata come concime azotato;
  • Can applicato come concime (Can, il nitrato di ammonio di calcio è il concime azotato più diffuso nei Paesi Bassi).

I concimi fosfo-potassici (PK) sono stati applicati secondo il modello Agri-Footprint e non differivano negli scenari con e senza azoto avvolto. Per gli scenari che prevedevano l’uso di azoto avvolto, sono stati presi in considerazione anche i minori consumi di carburante, resi possibili dal numero ridotto di applicazioni necessarie
 
Grafici

Nello scenario 1 (sx) è stato applicato un modello messo a punto dall’Alterra research institute (Wageningen University & Research, NL). È emerso che utilizzando Agromaster con un livello di azoto inferiore del 20% rispetto all’urea standard si ottiene una produzione comunque analoga. Sono possibili apporti ridotti di azoto grazie alla maggiore efficienza di Agromaster, che consente di ridurre la lisciviazione, la volatilizzazione e le emissioni di N2O.

Lo scenario 2 (dx) si basa invece su 19 prove ufficiali su patata in terreni sabbiosi nei Paesi Bassi. Can e Agromaster sono stati messi a confronto applicando un livello di azoto identico. Agromaster consente di ottenere un aumento medio della produzione dell’8% rispetto al Can.

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 234.576 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner