Biointegral di Agridast: tanto azoto e fosforo, niente cloro

Soluzione ideale per la concimazione di fondo, sia in pieno campo, sia in serra Biointegral di Agridast è un concime organo minerale NPK B.T.C., ovvero a basso tenore di cloro

Contenuto promosso da Chimica D’Agostino
agridast-biointegral1.png

Biointegral di Agridast

La sua particolare composizione deriva da matrici organiche altamente selezionate e poi fermentate a freddo, infine umificate. Il loro utilizzo consente adeguati apporti al terreno e alle colture di sostanza organica di alta qualità, migliorando al contempo le caratteristiche chimico-fisiche del terreno stesso.

Biointegral, inoltre, apporta una buona quantità di azoto sia a pronto effetto, sia a rilascio prolungato, fornendo i giusti livelli di nutrizione azotata alle colture anche in chiave temporale. Il prodotto conta inoltre su un alto contenuto di fosforo, derivante questo da farina di ossa, quindi solubile e assimilabile, nonché ad una buona dotazione di potassio da solfato.


Dosi e impieghi

Confezionato in sacchi da 25 chilogrammi e forniti con pedane da 1.500 kg, il prodotto va preferibilmente somministrato come concimazione di fondo in fase di preparazione del terreno, sia per le colture erbacee, sia per le arboree e ornamentali. Sulle colture arboree il dosaggio è di 8-12 q/ha, contro i 6-8 q/ha delle colture erbacee e industriali e i 2-3 per floricole e ornamentali.

Visita il sito di Chimica d'Agostino

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 232.066 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner