Dry-K 30: aumentare qualità e shelf life in un'unica mossa

Adriatica consiglia il suo formulato in grado di incrementare e preservare nel tempo le caratteristiche qualitative dei frutti aumentandone la resistenza ad avversità biotiche e abiotiche

Info aziende
dry-k-30-adriatica-fertilizzante-frutta.jpg

Dry-K 30 determina una maggiore resistenza meccanica irrobustendo le pareti cellulari dei frutti

L’attuale sistema di vendita dei prodotti ortofrutticoli, specie della Gdo, si basa su un compromesso fra le esigenze della distribuzione e quella del consumatore, che vorrebbe prodotti ben presentati e con buone qualità sensoriali. Spesso perciò la frutta negli scaffali non raggiunge il massimo potenziale di qualità che ciascuna varietà possiede per essere pronta al consumo.

I prodotti ortofrutticoli, nel periodo che intercorre fra la raccolta e il consumo, possono inoltre subire danni meccanici, attacchi di parassiti, nonché un decadimento qualitativo che è correlato con la sua fase fisiologica di maturazione. Tutto ciò avviene perché durante la fase di maturazione e/o senescenza, il metabolismo del prodotto determina fenomeni di aumento della respirazione, della traspirazione e della produzione di etilene, nonché modificazioni nel colore, nella struttura, e nella composizione del frutto che portano ad una rapida degradazione delle caratteristiche di accettabilità del prodotto.

Al fine di raggiungere la maturità commerciale con il massimo potenziale qualitativo e fare in modo che si preservi più a lungo nel tempo, K-Adriatica mette a disposizione Dry-K 30®.
È un prodotto di elevata purezza e prontamente assimilabile che determina l'irrobustimento delle pareti cellulari dei frutti e quindi una maggiore resistenza meccanica ai danni causati da agenti biotici e abiotici. Il potassio, in sinergia con il calcio, agiscono direttamente migliorando la consistenza e serbevolezza del frutto e le sue dinamiche di assorbimento sia idrico che di altri elementi.

La sua particolare composizione conferisce un elevato potere cicatrizzante nei confronti di possibili microlesioni che possono rappresentare vie di penetrazione di agenti patogeni. Il suo uso consente di ridurre il calo peso, regolando i processi evapotraspirativi e determinando una maggiore conservabilità, particolarmente importante per i prodotti destinati alla frigoconservazione.
Agisce incrementando le caratteristiche dei frutti in termini di qualità organolettiche e sensoriali consentendo di mantenere più a lungo nel tempo queste caratteristiche.