Radici più robuste, radici più sane

Rasax di L.E.A. irrobustisce l'apparato radicale delle colture rendendole più resistenti nei confronti delle avversità esterne e più efficienti nell'estrarre acqua e nutrienti dal suolo

Info aziende
lea-rasax-2019.png

Rasax di L.E.A. irrobustisce l'apparato radicale delle colture

Senza un adeguato reintegro, i terreni agricoli coltivati con tecniche intensive tendono verso un sempre più basso contenuto di sostanza organica, la quale può talvolta scendere anche al di sotto dell'1%. Ciò genera a sua volta una conseguente limitazione dell'attività biologica del suolo che può favorire anche la proliferazione di microrganismi dannosi per le colture.

Per ovviare a tale problema, dalla ricerca e sviluppo di L.E.A. è nato Rasax, un fertilizzante in grado di irrobustire la radice durante la sua crescita aumentandone l'efficienza e permettendole di meglio resistere ad eventuali aggressioni esterne. L'utilizzo costante del concime liquido Rasax, intervenendo sulle resistenze endogene della pianta, protegge l'apparato radicale delle colture. La radice risulta così essere più vitale e meno suscettibile agli attacchi di parassiti radicali. Lo stimolo e la proliferazione dei capillari radicali innescati dalla distribuzione di Rasax favorisce, inoltre, la simbiosi tra pianta micorrize e Tricoderma. Questi microrganismi sono capaci di avviare meccanismi di autodifesa che consentono alle piante di crescere con maggiore resistenza e vigore, respingendo al meglio le diverse forme di stress.

Rasax si può impiegare su tutte le colture orticole come asparago, pomodoro, peperone, zucchino, cetriolo, melone, anguria e fragola, come pure nei vivai. Il prodotto va distribuito tramite manichette da fertirrigazione, distribuendolo nell'ultima fase dell'irrigazione stessa al fine di evitare la lisciviazione del prodotto e quindi facilitarne il corretto assorbimento del prodotto da parte dell'apparato radicale.

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 201.618 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner