Eu green week 2019, tra i protagonisti Federchimica-Assofertilizzanti

Due gli appuntamenti guidati dal presidente Toffoli: un workshop dedicato ai fertilizzanti e alle pratiche sostenibili e l'annuale assemblea dell'associazione, per la prima volta a Bruxelles

bruxelles-workshop-moderato-da-giovanni-toffoli-presidente-assofertilizzanti-fonte-assofertilizzanti.jpg

A conferma del proprio sostegno alla Eu green week, Federchimica-Assofertilizzanti ha coinvolto tutte le aziende associate

Si è conclusa il 17 maggio scorso, a Bruxelles, la Eu green week 2019, la manifestazione promossa dalla Commissione europea che aveva l'obiettivo di fare il punto sul processo di attuazione delle leggi legate al settore ambientale e sulle sfide che attendono l'Europa per migliorare la qualità della vita dei suoi cittadini.

Federchimica-Assofertilizzanti è stata tra i principali attori coinvolti con il compito di condurre il workshop, svoltosi il 16 maggio, dedicato al tema dei fertilizzanti e delle recenti disposizioni previste dal nuovo Regolamento Ue (in collaborazione con il Directorate-general for internal market, industry, entrepreneurship and SMEs, European commission). 

Approvato lo scorso 27 marzo a Strasburgo, al termine di un lungo percorso che ha visto Federchimica-Assofertilizzanti coinvolta attivamente con tutte le istituzioni, sia nazionali sia europee, il Nuovo regolamento sui fertilizzanti introduce nell'Unione europea regole uniche per l'intero comparto, precise e attente alle grandi tematiche ambientali. Oltre a porre chiarezza in merito a numerosi aspetti tecnici (quali ad esempio il limite del cadmio contenuto nei fertilizzanti, che viene fissato in maniera univoca a 60 milligrammi per chilo, o la funzione dei biostimolanti, che viene ribadita essere sempre nutritiva e non curativa), la norma allarga notevolmente lo spettro dei fertilizzanti disciplinati, spalancando così le porte degli Stati membri alla libera circolazione di tanti prodotti che prima non potevano essere annoverati tra quelli Ce. Ad esempio: i concimi organici, organo-minerali e biostimolanti, che in questi ultimi anni hanno assunto sempre più importanza per gli agricoltori.

Dal workshop, moderato dal presidente di Federchimica-Assofertilizzanti Giovanni Toffoli, è emerso che l'intento comune di ridurre le emissioni di ammoniaca e di CO2 e di orientarsi sempre più verso una fertilizzazione di precisione, l'attenzione dei mercati nei confronti di nuovi prodotti (inibitori e biostimolanti) a supporto dell'efficienza nell'utilizzo dell'azoto, dei fertilizzanti minerali e l'interesse nei confronti dei cosiddetti fertilizzanti a 'rilascio' controllato in grado di incrementare i processi nutrizionali. 

"Al workshop, di matrice internazionale, hanno preso parte e parola stakeholder, istituzioni e operatori di un comparto agricolo che, a livello europeo, sta vivendo un periodo di fervente rinnovamento grazie anche alla recente approvazione del nuovo Regolamento Ue dei fertilizzanti. A tal proposito, in questi anni l'Associazione ha sempre avuto un atteggiamento estremamente positivo con tutte le istituzioni, mettendo a disposizione il proprio know-how per agevolare il processo formativo di questa norma che accogliamo con estrema soddisfazione. Finalmente l'intero comparto dei fertilizzanti ha in tutta Europa regole uniche, chiare e scrupolosamente attente alle tematiche ambientale" dichiara Giovanni Toffoli.

A conferma del proprio sostegno alla Eu green week, Federchimica-Assofertilizzanti ha coinvolto tutte le aziende associate che al termine dell'evento si sono riunite per la consueta assemblea annuale, svoltasi per la prima volta a Bruxelles.

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 187.183 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner