Le doti nascoste dei tannini

I tannini presenti in Castan di Chemia, ottenuto dal castagno, esplicano una molteplicità di azioni sui tessuti vegetali delle colture agrarie, apportando generali benefici fisiologici

Info aziende
castagnecastagnobyphotolife95fotolia750x500.jpg

I benefici dei tannini estratti dal castagno
Fonte foto: © photolife95 - Fotolia

Fra i prodotti ascrivibili nella macro categoria dei "corroboranti", Nutriland, brandi di Chemia, ha inserito a catalogo diverse soluzioni adottabili anche in agricoltura biologica, supportando le normali pratiche di difesa fitosanitaria e di nutrizione vegetale usualmente esercitate dagli agricoltori.

Fra tali soluzioni, spicca Castan, prodotto a base di tannini ricavati dal castagno. Queste sostanze sono infatti contenute naturalmente nelle piante. Quella dei tannini è una classe di composti aventi proprietà analoghe a quelle dell’acido tannico. Sono cioè solubili in acqua, astringenti al palato (per esempio caratterizzano alcuni vini in modo particolare) e si mostrano capaci di precipitare i sali dei metalli pesanti, gli alcaloidi e le proteine. Per le proprie caratteristiche, possono trovare impiego in una molteplicità di settori, dalla tintura dei tessuti, alla preparazione di inchiostri. In cantina possono essere impiegati nei processi di chiarificazione del vino.

Alcune loro peculiarità li propongono anche come sostanze consigliabili anche nei trattamenti alle colture di interesse agrario, agendo in guisa di elicitori in grado di stimolare reazioni di difesa endogene, cioè attivando nelle piante la produzione di sostanze naturali dotate di azione deterrente contro diverse avversità, sia di natura biotica sia abiotica.

Una volta appplicato, Castan forma sulla vegetazione una sottile pellicola molto adesiva, nutritiva, biodegradabile, scarsamente permeabile all'ossigeno in grado di ridurre l'evapotraspirazione durante i periodi caldi e quindi minimizza anche il fenomeno della spaccatura dei frutti. Grazie infine alla sua natura organica Castan stimola la crescita e lo sviluppo delle piante trattate, consentendo di ottenere maggiori produzioni di migliore qualità.
 

Consigli di impiego

Castan si impiega su tutte le colture alla dose di 1-1,2 kg/hl, risultando miscibile con i formulati a reazione acida, ma da non miscelare con prodotti alcalini. Per migliorare l'efficacia dei trattamenti si consiglia di bagnare uniformemente la vegetazione.

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 185.502 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner