Diablo S e Microlife: la soluzione per la concimazione pre-semina della patata

Unimer propone l'utilizzo combinato di Microlife, un ammendante di elevata qualità addizionato con consorzio microbico, e un concime organo-minerale, Diablo S, formulato per soddisfare le esigenze nutritive delle colture orticole più esigenti

Info aziende
patata-fonte-unimer.png

La patata necessita di terreni strutturati, freschi, profondi, non eccessivamente compatti e ricchi di sostanza organica umificata

La patata, appartenente alla famiglia delle solanacee, è una importante coltura orticola nel panorama agricolo italiano. I suoi tuberi vengono utilizzati sia per il consumo allo stato fresco che per la trasformazione industriale. La sua coltivazione riveste particolare importanza in alcuni areali del Centro-Sud Italia tale che ha ottenuto diversi riconoscimenti di indicazione geografica tipica o protetta.

La patata necessita, per la sua coltivazione ottimale, di terreni strutturati, freschi, profondi, non eccessivamente compatti e ricchi di sostanza organica umificata. Come tutte le solanacee ha notevoli esigenze nutrizionali in particolare per quanto riguarda il potassio e una concimazione adeguata è di fondamentale importanza per ottenere produzioni quantitativamente elevate e di buona qualità, intesa, in modo particolare, come buona conservabilità e capacità di stoccaggio dei tuberi per i consumi lontani dal periodo di raccolta.

Per mantenere e migliorare il contenuto di sostanza organica umificata nei suoli destinati alla coltivazione di patata, Unimer propone Superstallatico e Microlife, ammendanti a base di letame bovino ed equino sottoposti ad un processo industriale di fermentazione e maturazione che ne garantiscono un elevato grado di umificazione (rapporto C/N= 26) e che sono utilizzabili anche in condizioni di coltivazione biologica.

In particolare Microlife viene ulteriormente arricchito con un consorzio microbico selezionato contenente funghi e batteri della rizosfera allo scopo di potenziare la sua azione ammendante e miglioratrice dell'attività biologica del suolo.
Questi microrganismi colonizzano le radici stimolandone la crescita e migliorandone la capacità di assorbimento dei nutrienti anche attraverso la produzione di enzimi ed acidi organici in grado di solubilizzare gli elementi nutritivi che si trovano nel suolo in forme non prontamente disponibili.
 
Sacco Microlife

Diablo S, concime organo-minerale NPK (Ca-S) (9-12-18) (8-15) con potassio da solfato, zolfo, calcio e microelementi, formulato appositamente per soddisfare le esigenze nutritive delle colture orticole più esigenti, come le solanacee, è il concime più completo e adatto alla concimazione pre-semina della patata.

Per la sua formulazione vengono utilizzate materie prime di particolare qualità che, unite alla matrice organica ad alto grado di umificazione identificabile dal contenuto di Carbonio organico umificato dichiarato in etichetta, ne aumentano l'efficienza fertilizzante. Gli acidi umici e fulvici, contenuti nella sostanza organica utilizzata nella sua formulazione, garantiscono una protezione fisica e biochimica alle componenti minerali, mantenendo maggiormente disponibili gli elementi nutritivi per l'assorbimento da parte della pianta e preservandoli da eccessive perdite per lisciviazione e insolubilizzazione e rilasciandoli gradualmente al sistema suolo/pianta in modo da seguire le esigenze nutrizionali della coltura per lungo tempo.

Diablo S vanta un ottimale rapporto NPK per rispondere alle notevoli esigenze della coltura e contiene importanti mesoelementi e microelementi fondamentali per completarne il profilo nutrizionale. Infatti oltre al contenuto di azoto in grado di sostenere lo sviluppo iniziale della pianta, possiede un titolo particolarmente elevato di fosforo e potassio. Quest'ultimo elemento, presente nella più assimilabile e pregiata forma di potassio da solfato, è tra quelli maggiormente necessari alla pianta per la sua produttività.

Oltre ai macroelementi, Diablo S contiene:
  • zolfo altro elemento, al pari dell'azoto, fondamentale per la sintesi proteica e lo sviluppo della pianta, presente nel formulato nella forma più assimilabile dall' apparato radicale;
  • calcio importante per la formazione e consistenza delle membrane cellulari la cui corretta concentrazione nella pianta è direttamente correlata alla maggior resistenza alla manipolazione e alla miglior conservazione dei tuberi;
  • boro microelemento coinvolto nella traslocazione degli zuccheri dalle foglie agli organi di riserva che permette quindi un miglior accumulo di amido nei tuberi e di conseguenza una maggiore pezzatura degli stessi;
  • ferro che entra nei processi fotosintetici ottimizzando la sintesi degli zuccheri da parte dell'apparato fogliare;
  • zinco importante per i processi enzimatici coinvolti nella produzione di auxine ed altri fitormoni responsabili del corretto accrescimento della pianta.
Siapor - Diablo S

La restante quota di azoto, necessaria alla coltura per sostenere l'attività vegetativa, può essere apportata in fase di rincalzatura mediante la distribuzione di Super Azotek N32, concime organo-minerale azotato con zolfo che, grazie al suo contenuto di sostanza organica umificata e alla presenza di tre forme di azoto, a diverso grado di rilascio e mineralizzazione, è in grado di supportare le esigenze azotate della coltura fino a fine ciclo.

Unimer offre anche soluzioni per la concimazione della patata coltivata in regime di agricoltura biologica.
Oltre a Superstallatico e Microlife, propone per la concimazione pre-semina Armony S, concime organo-minerale NPK (Mg-S) 4-8-10 (2-8) a basso tenore di cloro contenente magnesio e zolfo, prodotto a partire da componenti naturali certificate per l'impiego in agricoltura biologica ad alto contenuto di sostanza organica umificata.

Per soddisfare le ulteriori necessita di azoto della coltura è utile l'impiego, alla rincalzatura, di Endurance N8, concime organico azotato prodotto utilizzando farine proteiche di elevata qualità con tempi di mineralizzazione e rilascio dell'azoto graduale che ne consentono un completo assorbimento da parte della pianta.

Tutti i prodotti Unimer vengono sottoposti ad un processo di sanificazione attraverso trattamento termico di un'ora a 70°C in forno industriale nel rispetto delle normative vigenti (Reg. CE 1069/2009 e 142/2011 e successive modifiche ed integrazioni) per l'eliminazione di microrganismi patogeni; allo stesso tempo si ottiene una significativa riduzione dell'umidità dei formulati. Questa caratteristica, unita ad una lavorazione tecnologicamente avanzata che consente di ottenere una formulazione in minicubetti, regolari e di dimensioni contenute, garantisce un'ottima scorrevolezza e spandibilità dei concimi Unimer con i moderni spandiconcimi.

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 185.313 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner