Assofertilizzanti celebra la Giornata mondiale del suolo

Il presidente Francesco Caterini: "I fertilizzati sono alleati del suolo: hanno un ruolo fondamentale nel fornire i nutrienti principali e secondari"

Questo articolo è stato pubblicato oltre 2 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

logo-assofertilizzanti-2015.jpg

Dal suolo, risorsa non rinnovabile, dipende l'esistenza della vita vegetale, animale e umana

Assofertilizzanti, l'Associazione di Federchimica che rappresenta le imprese che producono fertilizzanti, celebra la Giornata mondiale del suolo, ricordando l'importanza di questa risorsa non rinnovabile, da cui dipende l'esistenza della vita vegetale, animale e umana. 

Il suolo è un elemento cardine della biodiversità, una matrice viva, limitata, in costante evoluzione e cambiamento: fornendo alla pianta i nutrienti necessari quali, ad esempio, azoto, fosforo e potassio, determina la qualità dei raccolti.

"Il suolo è una risorsa preziosa e i fertilizzati sono suoi alleati: hanno un ruolo fondamentale nel fornire i nutrienti principali e secondari che integrano e preservano la fertilità del suolo che è il substrato di crescita delle colture agrarie ed incide in maniera determinante sulla loro espressione produttiva. E' incredibile come in una realtà in cui tutti parlano di alimentazione, cucina e, in generale, di benessere, troppo spesso ancora si sottovaluti l'importanza del suolo". E' quanto dichiarato da Francesco Caterini, presidente di Assofertilizzanti.

"I fertilizzati contribuiscono ad aumentare in maniera significativa i nostri raccolti e ad affrontare le sfide dei prossimi anni: sfamare i 9 miliardi di abitanti che popoleranno il nostro pianeta nel 2050. Conciliare la tutela del suolo e della terra, con una produzione agricola capace di soddisfare la crescente domanda alimentare, nel pieno rispetto della salute umana e ambientale, è l'obiettivo principale dell'agricoltura di oggi e di domani", ha concluso Caterini.

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 229.867 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner