Qualità e produzione: il frumento duro secondo Unimer

Winner e Super Azotek N 32, i prodotti che favoriscono la crescita quali-quantitativa della coltura

Contenuto promosso da Unimer
Questo articolo è stato pubblicato oltre 3 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

winner-siapor-concimi-organo-minerale-zinco-super-azotek-n32-avantage-azotato-fonte-unimer.png

I prodotti di Unimer propongono una concimazione organo-minerale
Fonte foto: © Unimer

Il frumento duro è una coltura che per mantenere un’adeguata redditività oltre all’aspetto quantitativo deve rispettare importanti parametri di qualità fondamentali per la trasformazione e la valorizzazione. Primi tra tutti il peso specifico ed il contenuto di proteine della granella.

I fattori che incidono sulla produzione quali-quantitativa della coltura sono molteplici e tra questi la concimazione assume un’importanza fondamentale.

La risposta di Unimer si basa sulla proposta di concimazione organo-minerale con Winner e Super Azotek N32.

Winner è un concime NP ad elevata efficienza da distribuire in pre-semina; la sua combinazione di sostanze umiche, azoto organico, azoto ammoniacale e microelementi zinco/magnesio, favorisce un pronto assorbimento del fosforo, elemento fondamentale per le funzioni energetiche della pianta. Inoltre l’azoto organico, grazie alla sua naturale lenta cessione, sostiene la coltura nella fase di accestimento garantendo un maggior numero di spighe/mq.
La ricchezza in acidi umici e fulvici, oltre ad interagire positivamente nella biochimica del terreno, garantisce la protezione dei nutrienti e la loro prolungata disponibilità per la pianta.

L’azoto, elemento centrale per produzioni quantitativamente e qualitativamente elevate, influenza il numero di spighe, spighette e cariossidi per spiga oltre che il loro peso specifico e contenuto proteico. Il frumento duro ha la massima esigenza di azoto in fase di levata, ma è importante che l’elemento nutritivo rimanga adeguatamente disponibile fino alla completa maturazione per evitare il fenomeno del bianconamento che comporta un notevole decadimento qualitativo della granella e nei casi più gravi l’impossibilità del suo impiego nella produzione di pasta.

Unimer risponde a queste esigenze con il concime organo-minerale azotato ad alto titolo Super Azotek N32 da distribuire in copertura.
Con la combinazione di tre forme di azoto differenti e opportunamente calibrate (organico, ureico inibito con Nbpt e ureico) garantisce le esigenze nutritive della pianta. La matrice organica umificata e la presenza di inibitore Nbpt, intervengono sulla prolungata disponibilità nutrizionale che segue il ritmo di accrescimento della pianta e contrastano efficacemente le perdite di azoto nel suolo e la sua volatilizzazione nell’atmosfera. Ulteriore elemento di pregio è l’elevato contenuto in zolfo che, al pari dell’azoto, è un elemento molto importante per la sintesi proteica.

La continua crescita negli anni dell’utilizzo di Winner e Super Azotek N32 testimonia la soddisfazione degli agricoltori nei confronti della proposta di concimazione Unimer per il frumento duro.
 
Frumento duro presso Az. Agr. Mosci di San Marcello (An), concimato con 300 kg/ha di Winner in pre semina e 300 kg/ha di Super Azotek N32 in copertura.

Fonte: Unimer

Tag: fertilizzanti

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 242.293 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner