Final K: la Kiave per la qualità dei raccolti

Il potassio quale elemento chiave nei processi di maturazione dei frutti. In tal senso Tradecorp propone Final K, in formulazione liquida

Contenuto promosso da Tradecorp Italia
Questo articolo è stato pubblicato oltre 3 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

tradecorp-final-k.png

Final K di Tradecorp

Il potassio, insieme ad azoto e fosforo, è uno dei principali elementi nutritivi necessari per la pianta, svolge infatti numerose funzioni fisiologiche e biochimiche.

Nel periodo estivo le applicazioni fogliari di potassio aumentano il potenziale osmotico delle cellule e regolano positivamente il processo di traspirazione. Le piante trattate risultano più forti e resistenti alle alte temperature ed alla scarsa disponibilità idrica. Il potassio inoltre è essenziale nel processo di elaborazione fotosintetica, nella sintesi degli zuccheri e delle proteine: alla frutta conferisce maggiore sapidità e conservabilità.

Quantità, tramite maggiori pezzature, e qualità, con maggior grado zuccherino e residuo secco, sono tra i principali obiettivi durante l’invaiatura e maturazione, fondamentali per garantire la redditività delle nostre produzioni.

Final K è l’esclusiva formulazione liquida Tradecorp ad elevata concentrazione di carbonato di potassio (465 gr/lt). L’assorbimento e l’efficienza di Final K è massima e garantita sia a livello fogliare che radicale, grazie alla sua speciale composizione, che consente di annullare l’effetto antagonista di calcio e magnesio presenti nelle acque utilizzate.
 
L’applicazione di Final K garantisce l’ingrossamento del frutto, omogeneità di calibro per agevolare le operazioni di stacco nella colture frutticole ed infine mantiene i parametri costanti di zuccheri acidità e pezzatura nelle colture industriali a pieno campo.

Final K, infine, concorre nel miglioramento della conservazione e il mantenimento della produzione in post raccolta.

Guarda il filmato di Final K:
 

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 242.970 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner