Niente carenze con Calitech

Calitech di Tradecorp è una innovativa formulazione a base di calcio. Previene e cura le carenze nutrizionali apportando anche azoto, magnesio e microelementi chelati

Info aziende
Questo articolo è stato pubblicato oltre 3 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

tradecorp-calitech-2016.jpg

Calitech di Tradecorp, contro le carenze di calcio

Il calcio è un meso-elemento fondamentale nella nutrizione di tutte le colture agrarie coltivate.
In Italia la maggior parte dei terreni sono ricchi di calcio ma purtroppo in forma di carbonato, fosfato o silicati, non assorbibili dalle radici, da qui l’esigenza continua da parte degli agricoltori di integrare con piani di concimazione mirata, lo ione calcio. 
 
Da un punto di vista strettamente fisiologico, il calcio è il componente essenziale delle protopectine che strutturano le pareti cellulari ed è direttamente responsabile della consistenza e della miglior conservazione delle colture.
 
Le principali cause che determinano la carenza di calcio sono l’insufficiente dotazione dell’elemento in forma assorbibile nel terreno, situazione cui si può sovrapporre anche l’indisponibilità del medesimo causa pH acidi dei terreni. Indisponibilità che viene amplificata in caso nel suolo siano presenti eccessivi contenuti di zolfo o fosforo, i quali legano il calcio formando composti insolubili. Infine, influiscono negativamente sull’assorbimento radicale dell’elemento anche elevate temperature, come appunto quelle tipiche estive.
 
Calitech è una soluzione ad alto contenuto di calcio, particolarmente indicata per la prevenzione e la cura delle fisiopatie dovute alla carenza di calcio. Inoltre, Calitech contiene azoto, magnesio e microelementi in forma chelata con EDTA che favoriscono l'assimilazione e la mobilità del calcio nella pianta.
 
Calitech corregge efficacemente gli stati carenziali di calcio di tutte le colture, garantendo eccellente qualità e produzione finale delle colture, le quali mostrano inoltre anche una migliore conservabilità dei frutti, dei fiori recisi e delle produzioni in generale. L’adeguato apporto di calcio induce infine una maggior tolleranza della pianta a stress e all’insorgenza di malattie.
 

Formulazione innovativa

La formulazione di Calitech è anch’essa innovativa. Si tratta infatti di Flow-gel, caratterizzato da elevata stabilità. Ciò implica che, a differenza di altri composti, il calcio venga mantenuto in sospensione dal gel. Ne consegue tra l'altro la migliore conservazione del prodotto.
 
Data la scarsa mobilità del calcio nei tessuti vegetali e grazie alla completa selettività su tutte le colture, Calitech è raccomandato sia per applicazioni fogliari sia per fertirrigazione, assicurando un'equilibrata nutrizione minerale.  Calitech previene e contrasta efficacemente: le spaccature (Cherry cracking) delle drupacee; il disseccamento (Tip Burn) di lattuga, invidia e scarola e imbrunimenti di molte ortive (sedano, carota, cavoli, ecc.); il marciume apicale (Blossom End Rot) delle solanacee; la defogliazione precoce, la butteratura amara (Bitter Pit) e il riscaldo delle mele; la diminuzione della fertilità fiorale e dell'accrescimento dei frutti in olivo; il disseccamento del rachide della vite.
 
 
Alcuni sintomi di carenza di calcio. Da sinistra a destra: spaccatura dei frutti, necrosi dei bordi fogliari e marciume apicale
 

Dose e modalità di impiego

Applicazioni fogliari:
  • Pomacee, drupacee, kiwi, vite, agrumi e fruttiferi in generale: 1,5 - 3,0 lt/ha (da allegagione 4-6 trattamenti ogni 10-15 gg.)
  • Orticole a frutto: 1,5 - 3,0 lt/ha (da primi frutti formati 5-6 trattamenti ogni 12-15 gg.)
  • Orticole a foglia: 1,5 - 3,0 lt/ha (subito dopo la crisi di trapianto, 2-3 applicazioni)
  • Floricole e ornamentali: 1,0 - 2,5 lt/ha (periodicamente ogni 15-20 gg.)

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 207.933 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner