UTEC®, il fertilizzante con inibitore dell'ureasi NBPT: urea ad alta efficienza

[video] Intervista a Francesco Crespi, Crop Manager di EuroChem Agro

Contenuto promosso da EuroChem Agro
Questo articolo è stato pubblicato oltre 4 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

utec-eurochem-agro-video-febbraio-2016.jpg

Da sempre EuroChem Agro punta ad offrire solo il meglio ai propri clienti. Per questo motivo, nella sua proposta commerciale non poteva mancare un prodotto d'eccellenza come UTEC®: il fertilizzante a base urea arricchito con l'inibitore dell'ureasi NBPT (N(nbutil)tiofosforicotriammide).
Il principio attivo NBPT - inibitore dell’ureasi - nasce e si sviluppa nei laboratori di Anversa e da più di trent’anni viene considerato una tra le molecole più performanti nel contesto degli azotati speciali. L’NBPT è stato sviluppato per minimizzare le perdite di azoto nel passaggio dalla forma ureica a quella ammoniacale. In questa fase infatti avvengono le più importanti perdite di azoto per volatilizzazione sotto forma di ammoniaca.
Dal punto di vista operativo, UTEC® garantisce una velocizzazione delle operazioni non rendendo più necessario l'interramento dell'urea, aspetto particolarmente gradito quando parliamo di colture sarchiate. In questo modo inoltre si evita il rischio di sottoporre a danni le radichette durante le prime fasi di coltivazione.
UTEC®, grazie all’inibitore dell’ureasi NBPT, minimizza il fenomeno della dispersione, riduce sensibilmente l’impatto ambientale e massimizza la resa per l’agricoltore.


(Leggi anche "Meteo impazzito? Entec® e Utec® per risolvere le incertezze!" e "Clima caldo e secco? Scegli Utec®: Urea ad alta efficienza")

Abbiamo incontrato Francesco Crespi, Crop Manager di EuroChem Agro, che ci ha spiegato alcuni dettagli:

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 253.666 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner