America Latina, biostimolanti Ilsa aumentano le produzioni di lattuga

In America Latina, i concimi e biostimolanti Ilsa aumentano le produzioni di lattuga e la sua durata post raccolta

Info aziende
Questo articolo è stato pubblicato oltre 4 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, leggi le ultime novità di ILSA.

ilsa-ilsac-on.jpg

Perù: già dalle prime fasi era evidente il maggior sviluppo vegetativo delle piante trattate con IlsaC-on, sia su Red Romaine (in alto) che su Lollo Rossa (in basso)

Se in Italia, con la stagione fredda alle porte, gli orticoltori si accingono a fornire alle colture i nutrienti per la crescita delle piantine e lo sviluppo della biomassa, con particolare attenzione ai nitrati che in questo periodo si accumulano con maggiore facilità, in Sud America arriva la primavera e i coltivatori stanno invece verificando l’efficacia delle loro scelte agronomiche.

Ilsa è presente con uno stabilimento produttivo in Brasile, nel Rio Grande do Sul e da anni trova importanti riscontri sui suoi prodotti anche in America Latina. Esperienze diverse ne confermano l’efficacia anche a queste latitudini, con situazioni pedoclimatiche sostanzialmente diverse dal vecchio continente. In Cile, ad esempio, presso l’azienda agricola Huertos Carolina, nelle vicinanze di Santiago, è stata constatata l’efficacia dei fogliari e fertirriganti Ilsa nel ridurre i danni da freddo e nell’aumentare la produzione commercializzabile.

Qui, la lattuga Desert Storm, trattata con i fertirriganti IlsaIlsaC-on, biostimolante a base di Idrolizzato enzimatico di Fabaceae, ha avuto un incremento della sua produzione da 593 q/ha della pratica tradizionale, a 726 q/ha, con una percentuale di scarto nettamente inferiore. In Perù, sia in termini di sviluppo vegetativo nelle prima fasi, sia come produzione finale, due trattamenti in pieno campo con IlsaC-on (2 kg/ha) su sette varietà diverse di lattuga, due verdi (Green romaine, Royal green) e cinque rosse (Cocarde, Red oak, Lollo rossa, Royal red, Red romaine, Royal red), nei primi 20 giorni dopo il trapianto, hanno permesso all’agricoltore di raccogliere nettamente di più. Nei pressi di Lima, l’azienda Country Home Sa, ha voluto testare l’efficacia di IlsaC-on anche sulla durata della lattuga in post-raccolta.

Risultati: la lattuga non trattata è ingiallita molto prima e ha avuto una vita post-raccolta di 9 giorni, rispetto ai 14 giorni della tesi Ilsa. I report completi di queste e altre prove su ortaggi da foglia, realizzate a diversi latitudini del pianeta, sono disponibili sul sito www.ilsagroup.com.