Progetto Micomais, giornata formativa in campo

Italpollina Spa e Università di Napoli collaborano per lo sviluppo delle micorrize nella coltivazione del mais: appuntamento il prossimo 5 settembre, alle 10, a Castel Volturno (Ce)

Contenuto promosso da Italpollina, Università degli Studi di Napoli Federico II :: Facoltà di Agraria
Questo articolo è stato pubblicato oltre 6 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, leggi le ultime novità di Italpollina.

italpollina-giornata-in-campo-5-settembre-2014.jpg

Giornata in campo a Castel Volturno

Il prossimo venerdi 5 settembre a Castel Volturno (Ce), ore 10.00, si terrà la giornata dedicata alla “Giornata formativa in Campo” del Progetto Micomais, condotto dal Dipartimento di Agraria dell'Università di Napoli Federico II in collaborazione con Italpollina Spa, e finanziato nell’ambito della Misura 124 del Psr della Regione Campania.

Il progetto Micomais prevede l'impiego di funghi micorrizici arbuscolari (Aegis Microgranulo) nella coltivazione di mais in condizioni di pieno campo, unito all'adozione di rotazioni colturali con erbai di leguminose da foraggio (trifoglio) al fine di ridurre l'applicazione di fertilizzanti chimici, la perdita di nutrienti nell'ambiente e gli interventi anticrittogamici.

L'innovazione di processo che si propone di applicare al comparto maidicolo-foraggero è stata collaudata presso il Centro di sperimentazione di Castel Volturno del Dipartimento di agraria dell'Università di Napoli Federico II e in alcune aziende agricole rappresentative della realtà produttiva della Piana del Volturno, tipicamente votata alla produzione zootecnica e alla coltivazione del mais.

L’impiego di funghi micorrizici offre importanti vantaggi agronomici, economici ed ambientali:
- Aumento dell’apparato radicale (> superficie assorbente).
- Migliore assorbimento di fosforo e microelementi (Fe, B, Zn).
- Resistenza agli stress idrici (aumenta la disponibilità di acqua).
- Resistenza alla salinità elevata.
- Maggior resistenza ai patogeni radicali
- Riduzione dell’antagonismo per l’assorbimento degli elementi nutritivi.
- Miglioramento della struttura del terreno e attenuazione dei fenomeni di stanchezza.
- Miglior efficacia dei fertilizzanti.

Il collaudo di inoculi micorrizici Italpollina, efficaci in diversi sistemi produttivi e in un ampio intervallo di condizioni edafiche, congiuntamente all'applicazione di altre tecniche colturali, potrà aiutare gli agricoltori a raggiungere un'ottimizzazione del sistema produttivo, con ricadute positive sia sul bilancio aziendale sia sull'ambiente rispetto al metodo di convenzionale.

Per maggiori informazioni: www.micomais.org