Alleati naturali in campo contro i nematodi

Agrofill propone Namaspor L1, ammendante che inocula nel terreno funghi micorrizici e altri microrganismi, utili al contenimento dei nematodi

Info aziende
Questo articolo è stato pubblicato oltre 6 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

agrofill-nemaspor-l1.jpg

Nemaspor L1 contrasta la proliferazione di nematodi

Organismi che controllano altri organismi. È il caso di Nemaspor L1 di Agrofill, un ammendante vegetale non compostato che contiene micorrize in ragione del 20% più altri microrganismi che usualmente vivono nel suolo, come per esempio Trichoderma, un fungo, e diversi batteri della rizosfera. Il loro utilizzo consente di contrastare le proliferazioni di nematodi negli apparati radicali delle colture.
 
Grazie alla sua composizione, Nemaspor L1 è consentito in agricoltura biologica e si applica sulle colture in campo e in serra, come peperoni, melanzane, pomodori, meloni, cocomeri, cetrioli. E altre colture orticole.
L'associazione sinergica di funghi micorrizici, in forma sia di micelio sia di spore, con funghi saprofiti e batteri della rizosfera apporta alle colture diversi benefici, stimolando le naturali difese delle piante contro i nematodi galligeni e incrementando quindi la produttività dei raccolti.
 

Dosi e modalità d’impiego

 
Nemaspor L1 può essere utilizzato prima del trapianto delle colture orticole per la bagnatura dei vassoi, preparando una soluzione che contenga 8 grammi di prodotto per vassoio. Per completare l'azione contro i nematodi è bene addizionare anche 8 grammi per vassoio di Nemaspor L2, anch'esso apportatore di complessi micorrizici e di microrganismi del suolo.
Subito dopo il trapianto, invece, durante la fase finale della prima fertirrigazione, si può impiegare Nemaspor L1 in ragione di 1,5 kg/ha facendo seguire ad esso anche 1,5 kg/ha di Nemaspor L2.
Nemaspor L1 e Nemaspor L2 è bene siano immessi separatamente negli impianti di fertirrigazione, come pure si deve ricordare che l’eccesso di salinità dell'acqua compromette l’efficacia dei formulati.
Dopo la prima applicazione, le successive vanno cadenzate ogni 20-30 giorni. Il numero di interventi sarà influenzato dalla durata del ciclo della coltura.
 
 

Fonte: Agrofill

Tag: fertilizzanti

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 206.853 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner