Il diserbo della soia ha una marcia in più con Tradecorp

Minore fitotossicità e stessa efficacia aggiungendo alle miscele tradizionali Spray Plus e Ruter AA, prodotti Tradecorp

Questo articolo è stato pubblicato oltre 9 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

1-tradecorp-ruter-diserbo-soia.jpg

Prova sperimentale 2009: particolare della tesi diserbata con l'aggiunta della soluzione Tradecorp (fonte: Magnani)

La soia, coltura introdotta in Italia fin dalla metà degli anni ottanta, viene coltivata principalmente nel Nord su una superficie nel 2009 di circa 170.000 ettari.

La maggiore problematica per questa coltura è il diserbo che viene gestito nella quasi totalità in post-emergenza con un applicazione fra la seconda foglia bilobata e la prima foglia trilobata. Tuttavia, a causa della nascita scalare delle graminacee Echinochloa crus galli, Sorghum halepense, Digitaria sanguinalis e Setaria spp, gli addetti del settore preferiscono posticipare l'applicazione tra la prima foglia trilobata e la seconda foglia trilobata aspettando che le graminacee siano nate il più possibile, in modo da fare un unico passaggio di diserbo.

La tecnica ormai consolidata prevede l'impiego di una miscela con imazamox applicato alla dose di 0,8 -1,0 l/ha associato a tifensulfuron-metile da 3 a 7 g/ha con l'aggiunta di un graminicida e olio, necessario per attivare il graminicida. 

In questa fase, lo sviluppo elevato della coltura, lo stress e le alte temperature rende il diserbo non sempre selettivo e talvolta la coltura, dopo l'applicazione, arresta lo sviluppo e i germogli apicali necrotizzano con ripercussioni anche gravi sulla produttività.

L'ufficio tecnico di Tradecorp in collaborazione con Daniele Magnani, tra i massimi esperti a livello nazionale per quanto riguarda il settore degli erbicidi, che da due anni si è impegnato ad effettuare prove sperimentali per valutare la selettività e l'efficacia della miscela erbicida tradizionale in abbinamento a specialità del proprio catalogo: Spray Plus e Ruter AA.

Le prove sono state effettuate sia sui primi che secondi raccolti applicando lo stesso protocollo nelle diverse condizioni ambientali (temperature elevate, diversi gradi di infestazione, bassi ed ultra bassi volumi, etc.)

I risultati ottenuti nelle diverse prove (vedi tabella), dimostrano che l'aggiunta di 30 ml/hl di Spray plus e di 2 l/ha di Ruter AA annullano la fitotossicità e producono un risultato sulle infestanti uguale o migliore della miscela tradizionale.

Risultato medio delle prove effettuate nel 2009
(l'articolo continua sotto le immagini)

 



Applicazione a pieno campo: a sinistra, l'impiego della soluzione Tradecorp (Spray Plus 30 ml/hl + Ruter AA a 2 l/ha) ha visivamente migliorato l'attività erbicida. (fonte: Magnani)

 

 

Spray plus a 30 ml/hl abbassa il pH della soluzione e neutralizza i carbonati e i bicarbonati  presenti migliorandone l'assorbimento: come è noto gli erbicidi esercitano al meglio la loro efficacia se distribuiti ad un pH inferiore a 6. Spray Plus ottimizza l'assorbimento  ed aumenta l'attività degli erbicidi perché migliora la capacità di superare le barriere cerose presenti nelle piante.

 

 

 

 

 

Ruter AA a 2 l/ha, con la sua formulazione ricca di aminoacidi selezionati e arricchito con  fosforo, potassio e microelementi chelati, viene assorbito rapidamente attraverso le pareti cellulari ed è in  grado di detossificare più velocemente le soluzioni erbicide. Ciò significa che la pianta ha un risparmio di energia e non deve utilizzare energia supplementare proprio nel momento in cui le necessità sono più elevate.

 

 

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 206.510 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner