Cerealmax, cereali di qualità e non per caso

Dalla ricerca di Ilsa il biostimolante che favorisce un processo produttivo di alto livello, soprattutto dopo un inverno freddo come quello che ci siamo lasciati alle spalle

Questo articolo è stato pubblicato oltre 9 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, leggi le ultime novità di ILSA.

ilsa-fertilizzanti-cerealmax (1).jpg

Cerealmax, dalla ricerca scientifica di Ilsa

Ogni anno, in agricoltura, fa storia a sé e l’inverno appena trascorso è stato particolarmente freddo. Per il frumento, le tante e ripetute nevicate, i lunghi periodi di temperature sotto gli zero gradi, hanno comportato un periodo di 'riposo' di diversi mesi e un evidente ritardo della ripresa vegetativa.

Dopo la scelta delle concimazioni al terreno più adeguate, è indispensabile aiutare i frumenti ad accumulare il massimo di nutrienti.

In occasione degli interventi di difesa fitosanitaria in levata e poi, più ancora, in spigatura, Cerealmax di Ilsa dimostra di essere il biostimolante ideale: oltre al contenuto di nutrienti azotati (organico ed ureico) di alta qualità e a pronto assorbimento attraverso le cuticole fogliari, svolge una fondamentale azione di stimolazione degli enzimi che regolano l’utilizzo dell’azoto assorbito sia per via radicale che fogliare, agendo nel prolungamento della fase di accumulo nella granella, prima della maturazione.

Cerealmax è stato messo a punto dalla ricerca scientifica Ilsa ed è garantito da un processo produttivo esclusivo e registrato.

Questo biostimolante, in miscela con tutti i fitofarmaci svolge una valida azione sia fisica di prolungamento dell’azione utile sulle foglie, sia corroborante di stimolo alle piante ad una minor sensibilità alle malattie.

In primavera, il frumento aiutato con la giusta nutrizione, produrrà nuovi tessuti vegetali e avrà quell’accumulo di energia necessaria per le fioriture e la formazione delle spighe per i raccolti.