PUNTE DI PRODUZIONE PARI A 1.580 QUINTALI PER ETTARO PER IL POMODORO DA INDUSTRIA

I risultati sono frutto dell’attività su pieno campo presso l’azienda agricola Ricucci Francesca in provincia di Foggia
Lo scopo dell’intervento con i prodotti Tradecorp: aumentare le rese produttive per il pomodoro, sia pelato che tondo. Nel dettaglio, le linee tecniche proposte dalla nuova filiale italiana

Questo articolo è stato pubblicato oltre 14 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

tradecorp_pom0a3_apparatoradicaleSviluppato_250_06.jpg

Sopra: sviluppo dell'apparato radicale - Sotto: Lower 7

[E' disponibile la Photo Gallery, relativa alle "Linee Tecniche Tradecorp per il pomodoro da industria" (*)]

Nel numero precedente di Agronotizie sono state presentate le linee tecniche elaborate da Tradecorp, azienda spagnola presente ora in Italia con la filiale di Bologna, per quanto riguarda l’uva da tavola, trasferendoci in provincia di Bari e, precisamente, a Corato. Per mettere in pratica le linee tecniche per il pomodoro da industria, si è invece presa come punto di riferimento l’Azienda Agricola Ricucci Francesca di Foggia. Grazie all’attività dei tecnici Tradecorp, si sono raggiunte punte di produzione pari a 1.580 quintali per ettaro.
Di seguito sono presentate le linee tecniche Tradecorp per il pomodoro da industria.
Pre-trapianto:
si procede con l’applicazione di Turbo Seed Zn (25-30 kg/ha), seguita da irrigazione. A 7 giorni dal trapianto si può notare l’ottimo sviluppo dell’apparato radicale [prima foto].
Prima Fertirrigazione:
A 20-30 giorni dal trapianto, è necessario impiegare Humistar (20 l/ha), in miscela con Nutricomplex Verde 23-6-6 (25 l/ha).
Segue l’applicazione fogliare di Aton Az (2,5 l/ha). In questo stadio si può notare ancor di più l’effetto combinato di Turbo Seed Zn impiegato in pre-trapianto con l’Humistar utilizzato per la prima fertirrigazione: l’apparato radicale è ben sviluppato.
Seconda Fertirrigazione:
Si consiglia una sequenza di 3 trattamenti di cui il primo è finalizzato all’acidificazione del terreno, grazie a Lower 7 [seconda foto] (20 l/ha, appunto in fertirrigazione). Segue una concimazione tradizionale al terreno con un Nitrato di Calcio 15,5N + 26,5CaO (70 kg/ha). Si conclude con Ruter AA (3 l/ha) in via fogliare.
Terza Fertirrigazione:
Si utilizza una miscela di Delfan a base di amminoacidi (10 l/ha) e di Nutricomplex Azzurro 13-40-13 (25 kg/ha).
Quarta Fertirrigazione:
I prodotti da impiegare per questo intervento sono Boramin Ca (20 l/ha), Maxflow (5 l/ha) e Nutricomplex Azzurro 13-40-13 (25 kg/ha).
Giunti alla fase di ingrossamento frutto si eseguono due interventi distanziati di 7 giorni, a base di Nutricolmix 20-20-20 (25 kg/ha) e Maxflow (5-10 l/ha).
Infine, in fase di maturazione si eseguono un primo passaggio con fertirrigazione a base di Nutricomplex Rosso 15-5-30 (25 kg/ha) o Nutricolmix 12-4-24 (25 kg/ha), in miscela con Fainal K (5 l/ha), ed un secondo passaggio a base di Fainal K (15 l/ha).
Nelle due foto finali, il risultato dell’impiego delle linee tecniche qui descritte.

Per ulteriori informazioni:
Tradecorp International SA – Sede Italiana: Via della Corte, 2 – 40100 Bologna – Tel 051 725261 – Fax 051 725261 – E-mail:
lutaraborrelli@libero.it - http://www.tradecorp.com.es/

(*) la photo gallery è stata realizzata con lo strumento flickr.com(r).

Fonte: Agronotizie

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 209.949 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner