Il traffico globale di merci può comportare a volte dei seri problemi all'ecosistema, uno tra tutti riguarda l'ingresso accidentale di specie aliene invasive che raggiungono un nuovo paese nel quale non ci sono antagonisti specifici; in questo modo possono acclimatarsi senza problemi e creare ingenti danni all'agricoltura locale.

 

Uno degli insetti alieni più importanti arrivato in Italia negli ultimi anni è sicuramente il moscerino dei piccoli frutti, Drosophila suzukii, ritrovato per la prima volta in Trentino nel 2009 e in seguito in Emilia Romagna nel 2011 e diffusosi poi in tutta la penisola e nel resto d'Europa. Mentre la maggior parte dei moscerini della frutta locali non sono parassiti perché infestano solo frutta troppo matura e già caduta, le femmine della Drosophila suzukii penetrano la buccia dei frutti non ancora maturi e depongono le proprie uova. Le larve si schiudono e si sviluppano nel frutto, generando perdite produttive fino all'80%. Lo svernamento avviene come mosca adulta in luoghi protetti.

 

La Drosophila suzukii è altamente polifaga. Tra le piante ospiti prevalgono le drupacee come ciliegio, pesco, susino, albicocco e i piccoli frutti come lampone, mora, fragola e mirtillo, ma rientrano anche kiwi, cachi, fichi e uva.

 

Durante l'International Cherry Symposium ospitato al Macfrut 2022, una presentazione fatta a 4 mani ha riguardato le esperienze sulla lotta e sul contenimento della Drosophila in Trentino Alto Adige e in Emilia Romagna. In particolare sono intervenuti Angela Gottardello della Fondazione Edmund Mach e Luca Casoli, direttore del Consorzio Fitosanitario di Modena e Reggio Emilia.

 

Leggi anche

Macfrut 2022, all'insegna della qualità

 

Trentino Alto Adige e le sperimentazioni della Fondazione Mach

Dopo il primo ritrovamento del moscerino, nel 2009, in Trentino hanno cominciato ad utilizzare delle trappole innescate con un attrattivo alimentare a base di aceto di mele per monitorare la presenza dell'insetto. I monitoraggi annuali ci dicono che nell'arco dell'anno si hanno due picchi di infestazione: il primo è quello degli adulti svernanti e si ha in inverno; il secondo consiste nelle generazioni estive che si sovrappongono a partire dalle ultime settimane di giugno fino a novembre.

 

Il periodo tra questi due picchi è chiamato collo di bottiglia ed è caratterizzato da catture bassissime, il che vuol dire che può essere considerato un buon periodo per intervenire, abbassando ancora di più la popolazione e di conseguenza anche il picco estivo successivo.

 

La presenza di ciliegeti in Trentino è piuttosto limitata ma la produzione di questi frutti rappresenta comunque una buona percentuale della Plv regionale. Ci sono circa 250 ettari coltivati a ciliegio che vanno dai 200 ai 1000 metri sul livello del mare. Sono tutti piccoli appezzamenti, inferiori all'ettaro, quasi monovarietali (60% Kordia e 25% Regina) caratterizzati da portainnesti semi nani (Gisela 5).

 

In Trentino però è molto facile trovare ciliegi abbandonati dispersi nel territorio. Questi hanno un ruolo estremamente importante nell'ecosistema agro trentino: maturano prima e spesso durante il collo i bottiglia, diventando così il primo ospite massivo su cui Drosophila suzukii crea la prima generazione.

 

Il primo approccio testato per il contenimento del moscerino è stato il controllo chimico che però in molti casi non è riuscito a contrastare in maniera efficace i danni dell'insetto. L'impiego delle reti antinsetto attualmente è il metodo che più protegge la coltura in maniera adeguata.

 

Negli ultimi anni è entrato in gioco anche il controllo biologico. Inizialmente è stato valutato il grado di parassitizzazione di Trichopria drosophilae, un parassitoide generalista presente negli habitat europei che depone il suo uovo all'interno della larve del moscerino.

 

Tra i parassitoidi più performanti c'è Ganaspis brasiliensis, un imenottero originario dell'estremo Oriente, come la Drosophila suzukii, che vive e si sviluppa all'interno delle larve. Per poterlo utilizzare è stata richiesta l'autorizzazione alla sua importazione nel 2021. Dopo l'approvazione l'insetto è stato rilasciato in 12 siti della Regione trentina a diverse altitudini e in diverse valli. Su 6 dei 12 siti sono emersi i parassitoidi dalle uova della Drosophila suzukii. Nonostante le percentuali non siano molto alte, i risultati sono comunque promettenti. I rilasci, infatti, sono avvenuti in ritardo; il via libera del Ministero della Transizione Ecologica è arrivato solo ad agosto. Oltre alle Province Autonome di Trento e Bolzano anche altre regioni hanno ricevuto l'autorizzazione ai rilasci, cioè Veneto, Valle d'Aosta, Piemonte, Emilia Romagna, Campania, Sicilia e Puglia.

 

Leggi anche

Drosophila suzukii: cosa conosciamo del suo nemico naturale

 

Contemporaneamente è arrivato in Italia un nuovo insetto. Come spesso succede, infatti, i nemici naturali non tardano a seguire le loro prede e le seguono a breve distanza di tempo nell'invasione di un nuovo territorio. Si tratta di Leptopilina japonica, parassitoide larvale arrivato dal Giappone che attacca le larve di D. suzukii; rilevato per la prima volta in Emilia Romagna ma segnalato in Trentino già nel 2019. Questa specie ha così aperto nuove prospettive per il controllo biologico del moscerino.

 

Leggi anche

Drosophila suzukii, i suoi nemici si moltiplicano

 

Dopo un estensivo campionamento di frutta da piante spontanee naturalmente infestate da D. suzukii e da varietà commerciali, i risultati del 2020 hanno confermato la presenza sul territorio trentino del nuovo parassitoide, e sembra che L. japonica sia ben stabilito. Si è visto, inoltre, che l'attività di controllo biologico di L. japonica avviene principalmente in situazioni non gestite con abbondanza di piante selvatiche fortemente attaccate dal moscerino e una ridotta, se non assente, influenza dell'attività umana.

 

Ci si auspica quindi che i due insetti, Ganaspis brasiliensis e Leptopilina japonica svolgano nel prossimo futuro un'azione sinergica nel controllo biologico della Drosophila suzukii, mantenendo in equilibrio le popolazioni del carpofago come naturale e duraturo processo di coevoluzione tra parassitoide e ospite.

 

Reti antinsetti e lotta biologica a Vignola

Vignola è la principale zona di coltivazione del ciliegio in Emilia Romagna. Il controllo della mosca in questa zona prevede un monitoraggio territoriale e costante, l'aggiornamento settimanale degli agricoltori e la messa in pratica di strategie alternative e integrative tra le quali il controllo chimico, l'impianto di reti di copertura e il controllo biologico.

 

Le coperture in plastica antipioggia sono distribuite su circa il 25% dell'area cerasicola che conta circa 700 ettari. Questi film plastici, utilizzati inizialmente per la Rhagoletis cerasi, si sono dimostrati utili anche quando è arrivata la Drosophila, causando però problemi legati all'aumento dell'umidità e della temperatura.

 

Al fine di ridurre queste problematiche sono state studiate alternative monofila e sistemi monoblocco che con materiali differenti chiudono completamente l'impianto. Questi impianti sono caratterizzati all'interno da trappole per il monitoraggio costante e di data logger per la rilevazione dei dati microclimatici.

 

Negli impianti monoblocco sono state registrate temperature medie pressoché allineate ma umidità elevata, mentre in quelli monofila è stato registrato un grado di temperatura in più rispetto all'esterno. Entrambi i sistemi hanno dato risultati promettenti dal punto di vista della prevenzione dei danni da cracking e dei danni da Drosophila suzukii.

 

Per quanto riguarda il controllo biologico, G. brasiliensis è stato rilasciato in 5 siti nel settembre 2021, lungo la vegetazione spontanea presente ai margini dei ciliegi. Dopo il rilascio, il 32% di pupe di D. suzukii è risultato parassitizzato, per il 13,6% da Leptopilina e per l'1,6% da Ganaspis.

 

La richiesta di autorizzazione al rilascio di Ganaspis brasiliensis sarà presentata anche per la stagione 2022 con l'obiettivo di svolgere l'attività durante la raccolta delle ciliegie e aumentare il numero di rilasci in Emilia Romagna. 

moscerino-drosophila-suzukii-lampone-frutto-byedumdmach-750x500.jpg
Ganaspis brasiliensis e Leptopilina japonica possono svolgere nel prossimo futuro un'azione sinergica nel controllo biologico della Drosophila suzukii Fonte foto: © Fondazione Edmund Mach