Botector New, protezione senza residuo della vite

Il fungicida microbiologico di Manica è utilizzato nella strategia di difesa della vite per evitare attacchi tardivi di botrite

Contenuto promosso da Manica
botector-new-fonte-manica3.png

Il prodotto è adatto per essere utilizzato nelle fasi canoniche della difesa antibotritica

Botector New è un fungicida microbiologico utilizzato nella strategia di difesa della vite per evitare attacchi tardivi di botrite.
Il principio attivo che lo costituisce, Aureobasidium pullulans, un fungo antagonista che agisce creando uno scudo naturale che ostacola l'ingresso di Botrytis cinerea, soprattutto in corrispondenza di microlesioni sul grappolo.

Il fungicida non ha Lmr, non lascia residui sul frutto, non influenza la cinetica delle fermentazioni e non ha tempi di carenza. Caratteristiche fondamentali per l'ottenimento di un prodotto in linea con i moderni standard qualitativi richiesti dalla grande distribuzione e dal consumatore.


Trattamenti d'impiego

Quando è meglio utilizzare Botector New?
Il prodotto è adatto per essere utilizzato nelle fasi canoniche della difesa antibotritica. Inoltre, non avendo giorni di carenza, è possibile impiegarlo fino alla piena maturazione per difendere il vigneto fino alla raccolta, anche quelle più tardive dove le piogge autunnali creano condizioni particolarmente predisponenti per lo sviluppo della malattia.
È possibile effettuare al massimo quattro applicazioni all'anno in via preventiva (tra lo stadio BBCH 68 e 89) 1 kg/ha per trattamenti sull'intera vegetazione e 0,4 Kg/ha per trattamenti sulla fascia grappolo.

I vantaggi per l'utilizzo di Botector New:
  • nessun residuo da antibotritici chimici (no Lmr);
  • nessun rischio di sviluppo di resistenze;
  • nessun rischio per operatore e insetti utili;
  • i vantaggi dell'utilizzo del Botector New in agricoltura integrata;
  • riduzione del pericolo di sviluppo di resistenze;
  • riduzione di residui;
  • più protezione grazie a quattro possibili applicazioni.

Visita il sito di Manica

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 265.841 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner