La difesa del pioppo

Upl propone Syllit 65, un fungicida a base di dodina in grado di controllare la marssonina

Contenuto promosso da UPL Italia
pioppo-pioppi-pioppeto-fonte-lfrabanedo-adobe-stock-750x500.jpeg

La marssonina è la malattia più importante del pioppo (Foto di archivio)
Fonte foto: © LFRabanedo - Adobe Stock

Il pioppo è una importante risorsa per la nostra economia. Dal pioppo deriva l'83% del legno da lavoro utilizzato in Italia.

I meriti ambientali di questa coltura sono altrettanto importanti:
  • il rapporto tra CO2 assorbita e prodotta nel processo produttivo è di 15 a 1;
  • è capace di un'importante azione di biofiltro, riuscendo perfino a "prelevare" e immobilizare i metalli pesanti dal suolo;
  • un pioppeto svolge una azione antierosione superiore a qualsiasi altra coltura.

La domanda di legno di pioppo chiederebbe in Italia circa 100mila ettari di coltura. Oggi siamo a circa 46mila ettari (di questi, più di 3mila sono certificati da enti di tutela dell'ambiente forestale), capaci di assorbire 700mila tonnellate di CO2 e di fissare 200mila tonnellate di carbonio all'anno (da G Nervo et al.; N Azzi; Piacenza 11Nov 2011)

La marssonina è la malattia più importante del pioppo. Può provocare defogliazioni importanti che, se non controllate almeno fino a settembre (fine dell'accrescimento), possono provocare importanti perdite di produzione di legno.


Syllit 65, fungicida a base di dodina (ammesso nelle coltivazioni certificate dagli enti di tutela forestale), con soli due trattamenti (tre negli anni più difficili) è in grado di controllare perfettamente la marssonina:

Trattamenti

Syllit 65 è miscibile con gli insetticidi Upl impiegabili contro i fitofagi del pioppo:

Syllit miscibile

La dodina è un principio attivo esclusivo Upl. Visita il sito di Upl