Botector New, soluzioni naturali contro la botrite della vite

A base del fungo Aureobasidium pullulans, il prodotto di Manica presenta una nuova etichetta ancora più efficace e una conservabilità migliorata

Contenuto promosso da Manica
botector-new-botrite-fonte-manica.jpg

Botector New è autorizzato anche per agricoltura biologica

La botrite è un fungo che attacca la pianta della vite procurando consistenti danni alla produzione. Le soluzioni naturali contro la botrite della vite comprendono l'utilizzo di fungicidi biologici.

Tra i prodotti Manica c'è Botector New indicato contro la Botrytis cinerea di vite, fragola, pomodoro e melanzana è autorizzato anche per agricoltura biologica. La nuova etichetta è ancora più efficace e la sua conservabilità migliorata notevolmente, arrivando a 18 mesi a temperatura ambiente (20°C) e 30 mesi in frigo (8°C). Dopo queste date il principio non scompare, ma il numero di Cfu non è quello garantito in etichetta.


L'azione naturale di Botector New contro la botrite

Botector New è a base del fungo Aureobasidium pullulans che agisce per antagonismo e sottrazione degli elementi nutritivi nei confronti della botrite, colonizzando le microlesioni presenti sul grappolo e agendo da scudo naturale contro l'ingresso della botrite.

Questo meccanismo d'azione lo rende ideale per gestire e combattere le resistenze ai fitofarmaci di sintesi che si possono essere create nel vigneto a seguito di un uso eccessivo o incontrollato di antibotritici chimici.


Dosi e modalità di impiego di Botector New

Con le acquisizioni tecniche degli ultimi anni si è concluso che gli antagonisti naturali come Botector trovano il loro momento ottimale di applicazione in due/tre fasi: sfioritura/pre chiusura e all'invaiatura. È in questi momenti che la pianta è più predisposta agli attacchi di botrite poiché ci sono molti "zuccheri" presenti (caliptre e zuccheri del grappolo).
Come utilizzarlo sulla vite: massimo quattro applicazioni all'anno in via preventiva tra lo stadio BBCH 68 E 89, 1 KG/ha per trattamenti sull'intera vegetazione 0,4 kg/ha per trattamenti sulla fascia grappolo.


I vantaggi

  • alta efficacia;
  • meccanismo di azione "anti resistenza";
  • innocuo per gli insetti utili;
  • nessuna interferenza sulle fermentazioni e sul gusto dei vini;
  • nessun tempo di carenza;
  • non sporca i frutti;
  • resistente al dilavamento;
  • shelf life elevata.

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 262.583 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner