Pediment® contro afidi: li snida e li elimina

Translaminare e abbattente, l'insetticida di Syngenta, a base di pirimicarb, è la soluzione ottimale per le infestazioni di afidi nel florovivaismo professionale

Contenuto promosso da Syngenta Italia
syngenta-pediment-2021.jpg

L'aficida di Syngenta per le colture ornamentali e floreali

Si moltiplicano velocemente, infestando germogli e boccioli alla ricerca della linfa delle piante, talvolta diffondendo virus e causando danni irreparabili a diverse colture agrarie. Anche il settore del florovivaismo soffre della presenza degli afidi, la cui eliminazione diviene indispensabile pensando soprattutto agli altissimi livelli di qualità estetica richiesta dal mercato alle produzioni. Controllare gli afidi non è però operazione agevole, causa la loro distribuzione su porzioni della chioma che talvolta risultano difficilmente raggiungibili dai trattamenti insetticidi. Servono quindi soluzioni capaci di diffondere nei tessuti vegetali andando in tal modo a snidare e colpire anche gli afidi più nascosti.

In tal senso Syngenta propone Pediment®, una formulazione in granuli idrodispersibili di ottima solubilità contenente pirimicarb in ragione di 500 grammi per chilo. Autorizzato su floreali e ornamentali, sia in serra, sia in pieno campo, l'insetticida risulta efficace contro le principali specie di afidi che colpiscono queste colture.

Una volta applicato, Pediment® mostra un rapido potere abbattente ad ampio raggio d'azione. Ciò grazie all'azione per contatto, immediata, completata dal comportamento translaminare di pirimicarb che gli permette di raggiungere anche gli individui posti sulle pagine inferiori delle foglie. Inoltre, la sua capacità di diffondere in fase di vapore consente alla sostanza attiva di ridistribuirsi omogeneamente in tutta la parte epigea della pianta. Una caratteristica, questa, che si esalta ovviamente a fronte di temperature elevate, condizione nella quale il prodotto continua a mostrarsi efficace contrariamente ad altre soluzioni comunemente impiegate. Ridotta appare infine la sua tossicità nei confronti degli insetti utili, mentre elevata si mostra la selettività verso le colture, pregio irrinunciabile per un prodotto da applicarsi su piante la cui estetica sia attesa perfetta dai mercati.
 

Dosi e modalità di impiego

Pediment® va applicato in ragione di 1 chilogrammo per ettaro con volumi di acqua sufficienti a garantire l'ottimale bagnatura delle colture. In genere, vanno adottati 200-1.000 litri per ettaro nelle colture in serra, in dipendenza delle masse vegetali da trattare, mantenendo il volume maggiore quando si operi in pieno campo. In ambiente protetto le applicazioni possibili sono due all'anno, da effettuarsi a distanza di 7-12 giorni in funzione del grado di infestazione presente.

Fra gli accorgimenti da adottare per massimizzare l'efficacia del prodotto vi è quello del corretto calcolo dei volumi di acqua in funzione delle temperature al momento del trattamento. L'azione di vapore di Pediment® risulta infatti trascurabile al di sotto dei 15°C, massimizzandosi fra i 15 e i 30°C. Con valori superiori ai 30°C, però, l'evaporazione può risultare troppo veloce, specialmente se si adottano volumi di acqua bassi e una micronizzazione spinta della soluzione fitosanitaria. Meglio in tali condizioni termiche adottare volumi di acqua più elevati, con ugelli e pressioni d'esercizio atte a realizzare gocce di dimensioni medio grandi. In tal modo il prodotto può diffondere più gradatamente, mantenendo elevata anche la sua efficacia in fase di vapore.

Scarica il depliant di Pediment®