Botanigard OD: nuove colture e target per un impiego più ampio

Il bioinsetticida a base di Beauveria bassiana in dispersione oleosa (OD) di Xeda Italia, grazie alle nuove estensioni di impiego, si presta ad essere ancora più versatile

Contenuto promosso da Xeda Italia
botanigard-od-flacone-gennaio-2021-fonte-xeda.png

Botanigard OD è attivo contro tutti gli stadi di sviluppo. In particolare su quelli giovanili di aleurodidi, tripidi e alcune specie di afidi, acari e psilla

Dopo che l’anno passato è stata introdotta sul mercato una nuova formulazione che ha permesso al prodotto di avere una maggiore persistenza e una riduzione delle dosi di utilizzo fino al 30%, ora sono arrivate diverse estensioni di impiego, nello specifico: acari su agrumi, afidi su drupacee (pesco, nettarino, albicocco, susino e ciliegio), psilla su pero.

Il formulato è mille volte più concentrato dei prodotti fino ad oggi disponibili in Italia, in totale sicurezza per l’uomo, gli animali e l’ambiente.

Botanigard OD è attivo contro tutti gli stadi di sviluppo, ma in particolare su quelli giovanili di aleurodidi (Bemisia tabaci/argentifolii, Trialeurodes vaporariorumtripidi (Frankliniella occidentalis, Thrips spp., ecc.) e di alcune specie di afidi, acari e psilla.
Le spore a contatto con l’insetto bersaglio germinano, e grazie alla produzione di speciali enzimi, il micelio prodotto è in grado di penetrare la chitina invadendo l’emocele dell’insetto. La proliferazione invasiva delle ife e la differenziazione delle blastospore, che avviene senza la produzione di tossine, determina la morte rapida dell’insetto bersaglio. Inoltre, la perforazione della chitina determina una progressiva disidratazione e la conseguente morte dell’insetto, che sopraggiunge in 3-5 giorni dopo la penetrazione del micelio in funzione del numero di spore distribuite, delle dimensioni e dello stadio di sviluppo dell’insetto.
 
Meccanismo d'azione

La presenza di umidità e la temperatura rivestono un ruolo importante nell’efficacia del prodotto poiché favoriscono la rapida germinazione delle spore distribuite. Botanigard OD deve essere applicato all’inizio dell’infestazione, ripetendo l’intervento a 5-10 giorni di distanza ed effettuando le applicazioni successive alla ricomparsa dell’insetto bersaglio, inoltre è opportuno impiegare volumi di acqua sufficienti ad ottenere una copertura completa ed uniforme della superficie fogliare. E’ preferibile applicare il prodotto nelle prime ore del mattino o al tramonto quando l’umidità relativa è più elevata e gli adulti degli insetti bersaglio sono meno mobili.
 
Tabella
Il prodotto, senza periodo di carenza e ammesso nei programmi di lotta biologica ed integrata, ha dimostrato una buona selettività verso gli ausiliari e una totale sicurezza per l’uomo, gli animali e l’ambiente.

A conferma dell’integrabilità anche in agricoltura a conduzione non biologica, il formulato è compatibile e miscibile con tutti gli insetticidi e fertilizzanti e può essere impiegato in miscela con prodotti a base di zolfo, rame e tiofanato-metile. Nel caso di tutti gli altri fungicidi, è sufficiente rispettare un intervallo minimo di 2 giorni prima o dopo il trattamento con il prodotto.
La caratteristica principale che rende Botanigard OD unico, è la titolazione del microrganismo: 2,26 x 1010 spore vitali per millilitro di formulato commerciale, ben mille volte più concentrato dei prodotti, a base di Beauveria bassiana, fino ad oggi disponibili in Italia.

Infine la formulazione presenta uno specifico sistema di trasporto colloidale (STC) che svolge una triplice azione.

1) protegge il fungo durante lo stoccaggio (assolutamente non refrigerato):
2) protegge il fungo anche durante l’applicazione dai fattori fisici e ambientali quali radiazioni UV, acqua dura, temperatura e pH estremi, alta conducibilità;
3) migliora l’adesività e la penetrazione del fungo nell’insetto.

Visita il sito di Xeda Italia

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 256.717 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner