Xylella, continua il monitoraggio a confine con l'area cuscinetto

"Espianti rapidi per le piante trovate positive a ridosso del confine con l'area cuscinetto" La richiesta di Coldiretti Puglia per evitare il dilagare dell'infezione verso Bari

Mimmo Pelagalli di Mimmo Pelagalli

ulivi-olivo-eradicazione-xylella-fonte-alessio-pisano.jpg

Resta il problema di un maggiore coordinamento degli interventi tra i vari livelli di governo
Fonte foto: © Alessio Pisanò - AgroNotizie

Con i due olivi risultati infetti da Xylella fastidiosa in località Lamalunga in agro di Fasano, ad appena 350 metri dal confine con l'agro di Monopoli, sono saliti a quattro i focolai a Fasano in provincia di Brindisi. "E' urgente procedere immediatamente con gli espianti chirurgici previsti a ridosso dell'area cuscinettofa sapere Coldiretti Puglia che chiede interventi risoluti per evitare che l'infezione, che ha raggiunto pericolosamente il limite con la zona cuscinetto, prosegua la sua avanzata senza ostacoli.

Coldiretti Puglia sottolinea in particolare quanto siano numerose le infezioni da Xylella registrate a Fasano e Ostuni, dove teme possano verificarsi ritardi nelle misure di espianto degli olivi infetti e tale da determinare una situazione di vulnerabilità proprio dell'area cuscinetto.

Intanto, dal 29 maggio scorso, data d'inizio ufficiale del monitoraggio 2020 delle piante da parte dell'Agenzia regionale per l'irrigazione e la forestazione della Regione Puglia, sono stati otto i rilevamenti effettuati che alla prova di saggio hanno dato esito positivo alla Xylella fastidiosa e che sono stati pubblicati sul sito web Emergenza Xylella. Tutti riguardano piante di olivo localizzate nei comuni di Locorotondo (cinque), Fasano (due) e Francavilla Fontana (uno), tutte in zona di contenimento dell'area infetta.

Ma va detto che sono state numerose le prove di saggio positive pervenute sulla base delle ultime rilevazioni del monitoraggio 2019. In realtà tra il 6 ed il 27 maggio scorsi i rilevamenti erano già di fatto iniziati, e ben 28 avevano dato esito positivo alla prova di saggio per la Xylella: 23 a Locorotondo, due a Ostuni, due a Crispiano e uno a Francavilla Fontana.

"La Xylella è certamente la peggior fitopatia che l'Italia potesse conoscere - lamenta Savino Muraglia, presidente di Coldiretti Puglia - che cammina ad una velocità impressionante, considerato che in sei anni il danno del patrimonio olivetato ha superato 1,6 miliardi di euro".

"Continua a mancare una strategia condivisa e univoca tra enti regionali, nazionali e comunitari per fermare la malattia e ridare speranza di futuro ai territori che hanno perso l'intero patrimonio olivicolo e paesaggistico", conclude Muraglia.

© AgroNotizie - riproduzione riservata

Fonte: AgroNotizie

Autore:

Tag: difesa olivicoltura Xylella fastidiosa monitoraggi

Temi caldi: Emergenza Xylella fastidiosa

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 240.062 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner