Mais: per il post-emergenza c'è Laudis®

Applicabile fino allo stadio di otto foglie della coltura, l'erbicida di Bayer contiene tembotrione e offre elevata efficacia con ampio spettro d'azione

Contenuto promosso da Bayer
bayer-laudis-post-dem-2020.png

Laudis®: per il post-emergenza del mais

Si avvicina il momento dei diserbi di post-emergenza per il mais. Le leggere piogge che stanno caratterizzando la fine di aprile dovrebbero infatti dare il via alla germinazione delle infestanti e quindi è bene programmare fin d'ora i necessari trattamenti erbicidi.
 
In tal senso Bayer propone Laudis, a base di tembotrione ed il safener isoxadifen-ethyl. La soluzione di Bayer, da applicarsi alla dose di 2 L/ha, si mostra in grado di controllare efficacemente le più diffuse infestanti annuali del mais, sia dicotiledoni sia graminacee, come per esempio sorghetta (da seme), Abutilon e l'emergente Acalypha, malerba in corso di espansione nel Nord Italia.
 
Grazie al suo spettro di azione e alla sua efficacia, è la soluzione ideale per trattamenti unici, anche in caso di infestanti ben sviluppate. Inoltre, grazie alla sua selettività, rispetta qualsiasi tipo di mais: granella, insilato, mais dolci o vitrei, potendosi applicare fino alle 8 foglie della coltura.
 
La sua azione è veloce e ben visibile: il prodotto infatti produce un rapido sbiancamento delle infestanti senza temere temporali, dal momento che sono sufficienti due ore per penetrare nelle piante e mostrare il proprio effetto.

Clicca per approfondimenti

Fonte: Bayer

Tag: diserbo erbicidi