Xylella, la Sicilia pianifica le analisi nei vivai

Il Servizio fitosanitario intende conoscere le consistenze dei lotti da commercializzare nella Ue sul 2020 di alcune piante potenzialmente ospiti del batterio entro il 28 febbraio

Mimmo Pelagalli di Mimmo Pelagalli

olivo-fiori-fioritura-allegagione-by-matteo-giusti-agronotizie-jpg.jpg

Per la Polygala previste analisi immediatamente prima di ogni singolo spostamento
Fonte foto: © Matteo Giusti - AgroNotizie

Il Servizio fitosanitario della Regione Siciliana ricorda, con una nota, che i vivaisti che producono piante destinate a piantagione di caffè, lavanda dentata, oleandro, olivo, mandorlo e Polygala, entro il prossimo 28 febbraio - ai fini dei controlli obbligatori per scongiurare il rischio di trasmettere il batterio Xylella fastidiosa - devono far conoscere il numero di piante e la consistenza dei lotti che intendono commercializzare nel corso del 2020 al fine di agevolare la pianificazione dei campionamenti da destinare ad analisi ufficiali obbligatorie annuali, necessarie al rinnovo dell'autorizzazione del passaporto fitosanitario. In particolare, per la Polygala è necessario anche effettuare ulteriori analisi ufficiali prima di ogni invio.

"Com'è noto, per gli effetti della decisione di esecuzione (Ue) 2017/2352 (recepita dal decreto ministeriale 13 febbraio 2018) dal 2018 i vivaisti che producono le specie, destinate alla piantagione, scientificamente denominate Coffea, Lavandula dentata L., Nerium oleander L., Olea europaea L., Polygala myrtifolia L. e Prunus dulcis (Mill.), per poter spostare la loro produzione all'interno dell'Unione, quindi poter accompagnare i lotti da un regolare passaporto delle piante, ogni anno debbono sottoporre i lotti in produzione ad esami ufficiali per il batterio Xylella fastidiosa, effettuati dal Servizio fitosanitario regionale o da laboratori dallo stesso accreditati" è scritto nella nota del Servizio fitosanitario siciliano.

"Inoltre, per gli effetti di una successiva decisione di esecuzione (Ue) 2018/1511 - sottolinea la nota - i lotti di Polygala dovranno essere sottoposti agli stessi controlli anche immediatamente e anteriormente al loro primo spostamento dal sito di produzione".

Il Servizio fitosanitario a questo punto chiede "Al fine di organizzare al meglio il prelievo dei campioni, i vivai che producono le suddette piante devono comunicare, entro il 28 febbraio 2020, all'Unità periferica o Osservatorio (Unità competente per zona) che ha rilasciato l'autorizzazione in proprio possesso, la consistenza numerica delle specie che si intendono commercializzare nel 2020".

Lo schema di denuncia delle piante (scaricabile qui) potrà essere utilizzato per ogni spostamento di Polygala dal sito di produzione, spuntando la prevista casella "Controllo spostamento Polygala myrtifolia". In tal caso, la comunicazione dovrà essere trasmessa all'unità competente almeno 15 giorni lavorativi prima del previsto spostamento. La comunicazione dovrà essere inviata alle Unità tramite posta certificata, Pec).

L'avviso si conclude con l'elenco degli uffici e delle Pec ai quali è possibile inviare la comunicazione delle piante che si intendono commercializzare ovvero lo spostamento delle piante di Polygala che si può agevolmente scaricare qui

© AgroNotizie - riproduzione riservata

Fonte: Regione Siciliana

Autore:

Tag: olivicoltura vivaismo Xylella fastidiosa vivai

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 221.748 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner